Ennio Doris: Mediolanum non è una one man company

A
A
A
di Redazione 23 Aprile 2013 | 15:50
Il fondatore e a.d. del gruppo ha spiegato nel corso dell’assemblea degli azionisti di svolgere un ruolo di “uomo immagine”, ma – ha precisato – le autonomie all’interno dell’azienda sono fortissime.

NELL’AZIENDA C’E’ AUTONOMIA – Mediolanum non è una “one man company, c’è molta autonomia”. Parola di Ennio Doris, fondatore e a.d. del gruppo, che ha risposto oggi nel corso dell’assemblea degli azionisti a chi obiettava una concentrazione di potere nelle mani di una sola persona. “È un’osservazione corretta se si osserva l’azienda dall’esterno”, ha detto Doris, secondo cui questo dipende dal suo ruolo di uomo immagine del gruppo.

OTTIMISMO PER IL FUTURO – “Anche oggi ho girato un nuovo spot”, ha spiegato: “questa mia immagine pubblica fa sembrare l’azienda come una one man company, ma non è così. Le autonomie sono fortissime, altrimenti l’azienda avrebbe cessato di crescere anni fa”. Cosa che non è successa, ha sottolineato ancora Doris, che si è detto ottimista per il futuro: “i nostri ricavi consolidati stanno andando avanti, facendoci ben sperare per il futuro. Idem per il risparmio amministrato”. L’imprenditore ha ricordato che anche le fee sulle masse amministrate sono passate da 59 milioni del primo trimestre 2009 a 126 milioni dell’ultimo trimestre 2012.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X