Wealth management, Lloyds pronta a cedere attività estere per focalizzarsi sul Regno Unito

A
A
A

Il business di private banking e wealth management internazionale del gruppo aveva asset under management per 12,6 miliardi di sterline alla fine del 2012…

di Redazione30 aprile 2013 | 09:42

POSSIBILI CESSIONI IN VISTA – Il gruppo bancario Lloyds sta valutando la cessione di una parte delle sue operazioni internazionali di wealth management, nell’ambito di una serie di mosse compiute dal colosso britannico per restringere il business e focalizzarsi principalmente sul retail banking nel Regno Unito. È quanto riporta il Wall Street Journal citando fonti vicine alla banca.

FOCUS SUL DOMESTICO
– Il business di private banking e wealth management internazionale di Lloyds, con sede in Svizzera e uffici in tutto il mondo, aveva asset under management per 12,6 miliardi di sterline alla fine del 2012. Negli ultimi anni, ricorda il Wsj, il gruppo ha tuttavia riorganizzato la sua divisione di wealth management per concentrarsi sui clienti britannici.

TRATTATIVE IN FASE INIZIALE
– Negli ultimi mesi, avrebbe cercato di vendere una parte significativa del business a una compagnia di wealth management, scrive ancora il quotidiano di Wall Street citando una fonte secondo cui le trattative sono comunque in una fase iniziale e non è ancora stato identificato un possibile acquirente.

I PRIMI TRE MESI DEL 2013Lloyds, di proprietà del governo britannico al 39%, ha chiuso il primo trimestre del 2013 con un utile netto di 1,5 miliardi di sterline, in crescita rispetto ai 5 milioni di perdita di un anno prima e oltre le stime degli analisti.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Bnl Bnp Paribas Life Banker, convention a Roma

Si è chiusa oggi la kermesse alla presenza di Luigi Abete, presidente di Bnl Bnp Paribas ...

Scolari (Ascosim): “Ora al lavoro sulla rappresentanza in Ocf”

Risolto il nodo dei tempi, si prepara a tornare alla ribalta la delicatissima questione della revisi ...

Tofanelli (Assoreti e Ocf): “Il 30 bis? Vigilanza più difficile ma nei tempi giusti”

Il segretario generale di Assoreti e vice presidente Ocf commenta l’introduzione dell’articolo 3 ...