Family Advisory sim: se consulenza vuole dire anche assistenza

A
A
A
di Redazione 2 Maggio 2013 | 10:20
Doriano Demi, a.d. di Family Advisory sim Sella & Partners, spiega che “la società si articola in due grandi aree di business”…

Family Advisory sim Sella & Partners nasce da un progetto di Doriano Demi, Donato Fornuto e Maurizio Cottella – tre manager di lungo corso del gruppo San Paolo con esperienza nella consulenza alle imprese, nell’asset management e nel private banking – condiviso con la famiglia Sella. Costituita nel 2010 a seguito dell’autorizzazione della Consob per l’esercizio dell’attività di consulenza, oggi la società ha masse under advisory per circa 800 milioni di euro. Il progetto, ha spiegato al settimanale soldi&bluerating l’a.d. Doriano Demi, “è nato dalla presa di coscienza dell’importanza di dare vita a una struttura capace di aiutare i clienti a districarsi in un mercato sempre più complesso e difficile”. L’obiettivo è quello di “offrire assistenza nella risoluzione di problematiche inerenti la sfera familiare e, se necessario, dell’impresa”.

Da quante risorse è composto il team?
La sim, che ha sede a Torino, è composta da sei dipendenti, oltre al sottoscritto, ed è articolata in due grandi aree di business: financial advisory, che riporta a Donato Fornuto, e wealth planning, che invece fa capo a Maurizio Cottella. Al momento noi non prevediamo di reclutare nuove figure.


Da sinistra: Donato Fornuto, Doriano Demi e Maurizio Cottella

Qual è il vostro approccio alla consulenza?
Le caratteristiche su cui si fonda la nostra struttura di business sono la conoscenza e il rapporto umano con il cliente, e la garanzia di una relazione stabile e duratura nel tempo con un unico interlocutore, unita alla capacità di offrire soluzioni personalizzate che tengano conto di tutte le diverse necessità nella gestione globale del suo patrimonio. Per quanto riguarda in particolare il servizio di consulenza finanziaria, la nostra attività consiste nell’affiancare il cliente nella gestione del patrimonio di famiglia suggerendo scelte operative che devono rispondere, più che a previsioni di mercato (quasi impossibili da attuare), a sue esigenze specifiche: per esempio, la protezione del potere d’acquisto, un adeguato flusso cedolare a complemento dei propri redditi, un’esigenza di liquidità a supporto dell’azienda di famiglia. Quanto al wealth planning, l’obiettivo è fornire alla clientela un’attività per la pianificazione e la protezione del patrimonio complessivo, attraverso l’implementazione di soluzioni personalizzate afferenti la sfera del patrimonio personale, dell’azienda e della famiglia. Si cerca così di garantire il mantenimento e la protezione, oltre all’incremento costante nel tempo del patrimonio, definendo le regole e/o gli strumenti per il passaggio del “testimone” dell’attività di impresa alle generazioni future.

A che tipo di clientela si rivolgono i vostri servizi?
Ci rivolgiamo a una clientela di fascia alta, i cosiddetti ultra high net worth individual, con necessità complesse che vanno dalla consulenza finanziaria alla pianificazione fiscale fino alle materie in tema di successione. Ci rivolgiamo in particolare a famiglie che devono affrontare problematiche complesse, essendo il loro patrimonio articolato in asset mobiliari, partecipazioni societarie e immobili. Per lo più si tratta di imprenditori in attività, dove molto labile è il confine tra la famiglia e l’impresa.

Quante sono le masse sotto consulenza e come funziona la remunerazione?

Abbiamo masse under advisory per circa 800 milioni di euro. Per quanto riguarda la remunerazione, viene calcolata una flat fee in base alla complessità del patrimonio in consulenza e al tempo che la struttura deve dedicare all’attività richiesta.

Novità in vista?
Guardando al futuro, direi che il nostro obiettivo principale è ripagare i clienti della fiducia che hanno riposto in noi. Quindi sempre più attenzione alla qualità del servizio, puntando a costruire un adeguato sviluppo della nostra attività senza perdere di vista il nostro modello di business, che è molto chiaro: sempre più incentrato sulla soddisfazione dei bisogni dei clienti e sul mantenimento dell’indipendenza della nostra struttura, aspetti per noi irrinunciabili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X