Commerzbank, i tagli al personale mandano in rosso il primo trimestre

A
A
A
di Redazione 7 Maggio 2013 | 08:20
La seconda banca tedesca ha registrato una perdita netta di 94 milioni di euro tra gennaio e marzo, un dato comunque migliore rispetto alle attese degli analisti, che…

TRIMESTRE IN ROSSO – I tagli di posti di lavoro pesano sul primo trimeste di Commerzbank, che ha chiuso il periodo gennaio-marzo con un rosso di 94 milioni di euro (+355 milioni nel primo trimestre 2012), una perdita comunque inferiore rispetto ai 125 milioni stimati dagli analisti per questo periodo. La seconda banca tedesca, che ha dunque deciso di tagliare da 4.000 a 6.000 posti di lavoro entro il 2016 (qui la notizia), ha registrato oneri di ristrutturazione pari a 493 milioni, valore che ha appesantito i conti di Commerzbank. L’utile pre-tasse è sceso a 24 milioni di euro dai 542 milioni dell’anno precedente, mentre l’utile operativo si è attestato a 469 milioni, contro i 576 milioni dello stesso periodo del 2012.

IL COMMENTO DEL CFO – “Il 2013 nel suo complesso vedrà pressioni costanti sui ricavi, un leggero aumento degli accantonamenti per prestiti inesigibili e un incremento dei costi legati agli investimenti” ha detto il cfo Stephan Engels. Commerzbank si sta preparando a un aumento di capitale da 2,5 milardi di euro questo mese per rafforzare il proprio patrimonio e rispettare criteri più stringenti sul capitale.

OBIETTIVI Engels ha spiegato che, a seguito del rafforzamento, il coefficiente patrimoniale calcolato in base all’applicazione più rigorosa delle regole di Basilea 3 aumenterà di circa un punto percentuale. La banca ha l’obbiettivo di un coefficiente patrimoniale del 9% entro la fine del 2014. Nel primo trimestre, il ratio si attesta al 7,5%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X