Azimut, la crescita estera passerà per Brasile, Taiwan e Singapore

A
A
A
di Redazione 13 Maggio 2013 | 10:28
Il gruppo di Pietro Giuliani punta ad avere a fine 2014 circa il 10% degli asset gestiti fuori dall’Italia, vale a dire circa 2,7 miliardi di euro.

SUDEST ASIATICOAzimut ha in mente l’Estremo Oriente e il Sud America. Secondo quanto emerge dalla Lettera al Risparmiatore pubblicata questo weekend sul Sole 24 Ore, tra le priorità del gruppo presieduto e guidato da Pietro Giuliani ci sarebbe proprio la crescita all’estero: in questo senso l’interesse è focalizzato su due Paesi del Sud Est asiatico, Taiwan e Singapore, dove Azimut conta di realizzare, presumibilmente entro il 2013, una joint venture almeno al 50% con partner locali. La partnership, spiega il settimanale di Confindustria, potrebbe operare o tramite l’istituzione di una società di gestione a cui affiancare un piccolo network distrbutivo o direttamente attraverso la creazione di una rete.

BRASILE E TURCHIA – Intanto, sempre in Asia, Azimut ha aumentato di recente la propria quota nella holding di Hong Kong con la locale Cmt, portandola dal 65% di fine 2012 all’attuale 100%. E non è tutto: nelle mire di Giuliani, come ha più volte fatto presente lo stesso manager, ci sono anche il Sud America, più precisamente il Brasile (qui la notizia), e la Turchia, dove l’obiettivo è portare al 20% la quota detenuta da Azimut in Globval Menkul Degerler (qui la notizia), società di distribuzione cui è affidato il compito di vendere ai risparmiatori turchi i prodotti di Az Global Portafoy (60% Azimut; 40% Global). Già lo scorso gennaio il gruppo italiano aveva aumentato la propria partecipazione dal 5% al 10% (qui la notizia).

10% DEGLI ASSET GESTITI ALL’ESTERO – Complessivamente, si legge nella Lettera all’investitore, Azimut punta ad arrivare a fine 2014 ad avere circa il 10% degli asset gestiti fuori dall’Italia: Il valore – stando ai target fissati dalla stessa società, pari a 27 miliardi di asset totali sempre entro il 2014 – sarebbe pari quindi a circa 2,7 miliardi di euro. Azimut, si ricorda, è già attiva anche in Lussemburgo, Principato di Monaco e Irlanda.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti