Promotori finanziari, questa volta la sospensione cautelare è donna

A
A
A
di Redazione 24 Maggio 2013 | 08:43
Roberta Paparo è ritenuta responsabile di essersi appropriata di somme di pertinenza di alcuni investitori per un importo di circa 300.000 euro.

SOSPENSIONE CAUTELARE – È una promotrice finanziaria, questa volta, a finire sotto la lente della Consob: si tratta di Roberta Paparo, ex di Banca Generali, che, come riporta la delibera numero 18532, è stata sospesa dall’Albo di categoria in via cautelare per sessanta giorni a causa di comportamenti irregolari nei confronti della clientela.

SOTTRATTI 300MILA EURO – Dalle segnalazioni arrivate da Banca Generali, scrive la Consob, è emerso che la Paparo si è appropriata della disponibilità di somme di pertinenza di alcuni investitori per un importo complessivo di circa 300.000 euro e ha “simulato l’avvenuta esecuzione di operazioni di investimento, riconoscendo la maturazione di cedole tramite il versamento di somme di denaro sui conti correnti dei clienti coinvolti”.

VIOLAZIONI PASSIBILI DI RADIAZIONE – La promotrice finanziaria, sintetizza la Commissione, è dunque ritenuta responsabile di acquisizione, mediante distrazione, della disponibilità di somme di pertinenza della clientela, esecuzione di operazioni non autorizzate dagli investitori e simulazione di operazioni di investimento, tutti comportamenti “tali da compromettere l’affidabilità del promotore finanziario nei confronti dei risparmiatori” e “sanzionabili con la radiazione dall’Albo”. Vista la necessità e l’urgenza di tutelare gli investitori, la Consob ha quindi deciso di sospendere in via cautelare Roberta Paparo dall’esercizio dell’attività di promotore finanziario.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti