Banche venete, il salvagente di Intesa Sanpaolo

A
A
A
di Andrea Telara 22 Giugno 2017 | 08:53
Il gruppo guidato da Carlo Messina si è deciso a comprare la Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Prezzo simbolico di 1 euro e nessuna acquisizione dei crediti deteriorati.

Un’operazione condizionata. Così è stata definita l’acquisizione da parte di  Intesa Sanpaolo delle Banche Venete (Popolare di Vicenza e Veneto Banca) che da diversi mesi, ormai da anni, sono alla disperata ricerca di una via di salvataggio e di un compratore. Una nota di Intesa Sanpaolo ha comunicato che l’operazione sarà anche neutra dal punto di vista del capitale, perché i crediti deteriorati verranno scorporati dai bilanci dei due istituti e confluiranno in una bad bank, una banca separata che sarà messa poi in liquidazione. Intesa Sanpaolo non dovrà dunque effettuare una ricapitalizzazione e il prezzo dell’acquissto delle banche venete sarà simbolicamente di 1 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La politica non ne parla, ma il debito pubblico italiano continua a lievitare

Popolare di Vicenza, i pm chiedono l’insolvenza

Acf e Abf, stop ai ricorsi sulle ex popolari venete

NEWSLETTER
Iscriviti
X