Asset management, un polo in Europa dell’Est per Intesa Sanpaolo

A
A
A
di Redazione 28 Maggio 2013 | 14:01
Il gruppo intende rafforzarsi nel settore con la costituzione di un “hub” che consolida tutte le attività nell’area.

UN HUB PER L’EST EUROPA – Il gruppo Intesa Sanpaolo si rafforza nell’asset management attraverso la costituzione del nuovo polo nell’Est Europa (Hub), frutto – spiega la banca in una nota – della collaborazione strategica di Eurizon Capital con la divisione banche estere, che consoliderà tutte le attività del settore nell’area. L’Hub nasce da un progetto di razionalizzazione delle partecipazioni esistenti, nell’ambito del quale Vub Asset Management, società slovacca con sede a Bratislava, assume il ruolo di sub holding a cui fanno capo l’ungherese Cib Investment Fund Management e la croata Pbz Invest. Le tre società al 31 marzo avevano asset in gestione totali per circa 2 miliardi di euro, che confluiscono nel perimetro di Eurizon Capital sgr. Il polo è controllato da Eurizon Capital sgr con il 50,1%, attraverso la società lussemburghese Eurizon Capital Sa e partecipato per il 40,6% dalla banca slovacca Vub Bank e per il 9,3% dalla croata Pbz Bank.

ATTENZIONE ALLE SINERGIE
– I principali obiettivi del progetto – parte integrante delle linee di sviluppo strategico di Intesa Sanpaolo e finalizzati all’ulteriore rafforzamento dell’internazionalizzazione del gruppo, attualmente presente in oltre 40 Paesi – sono consolidare e rafforzare le attività di asset management in Slovacchia, Ungheria e Croazia sviluppando il risparmio gestito nei Paesi dell’Est Europa, migliorare la qualità dei servizi e l’innovazione di prodotto e razionalizzare l’assetto produttivo conseguendo sinergie di costo. Ai fini della realizzazione del progetto, la divisione banche estere ha messo a fattor comune la sua capacità distributiva, la conoscenza dei mercati e le consolidate relazioni locali ed Eurizon Capital l’eccellenza produttiva e l’ampia gamma dell’offerta nell’asset management.

LA PRESENZA ALL’ESTERO – Per l’amministratore delegato di Eurizon Capital sgr Mauro Micillo, “l’iniziativa rientra in una strategia di potenziamento e diversificazione geografica della presenza di Eurizon Capital all’estero. La società è già attiva in Asia attraverso la partecipazione del 49% in Penghua Fund Management (Cina) e la branch commerciale di Eurizon Capital Sa a Hong Kong. La collaborazione con le banche estere del gruppo nell’Est Europa“, continua Micillo, “punta a replicare quanto realizzato in Italia con Banca dei Territori in termini di servizio e sinergie tra sgr e collocatore”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti