Promotori finanziari, Hypo Alpe Adria Bank vicina alla chiusura

A
A
A
di Diana Bin 30 Maggio 2013 | 08:10
Il gruppo austriaco era stato salvato dallo Stato e ora deve essere riprivatizzato. Ma in assenza di acquirenti, è possibile che l’istituto italiano venga messo in liquidazione.

POSSIBILE CHIUSURA DELL’ISTITUTO ITALIANO – Hypo Alpe Adria Bank potrebbe chiudere i battenti in Italia. Come ha spiegato la stessa società a BLUERATING, la holding austriaca Hypo Group Alpe Adria, di cui la rete italiana fa parte, era stato salvato dallo Stato cinque anni fa e ora deve essere riprivatizzato. Ma in assenza di acquirenti – e la stessa società ha confermato che al momento non ci sono trattative in corso – è possibile che l’istituto italiano venga messo in liquidazione, una mossa che lascerebbe senza lavoro circa 370 persone.

LA LIQUIDAZIONE E’ L’ULTIMA SPIAGGIA – Contattata da BLUERATING, la società ha confermato che è effettivamente “in corso un confronto tra il governo della Repubblica d’Austria e la Commissione Europea sul piano che prevede la riorganizzazione e vendita del gruppo Hypo Alpe Adria”, confronto che vede la dismissione dell’attività bancaria dell’istituto italiano come una delle ipotesi, anche se una “extrema ratio”.

UNA PARTITA CHE SI GIOCA TRA VIENNA E BRUXELLES – “Oggi l’istituto è in equilibrio, ma la partita si gioca tra Vienna e Bruxelles”, hanno spiegato da Hypo Alpe Adria Bank. L’auspicio comunque è che “tutte le istituzioni a vario titolo coinvolte possano dare il proprio contributo alla positiva soluzione della questione”. Secondo indiscrezioni riportate oggi da MF, per ora non confermate dalla società, una risposta potrebbe arrivare dall’indiana Srei, che dovrebbe presentare a breve un’offerta per la società.

I PROMOTORI DI HYPO ALPE ADRIA BANK –
Secondo gli ultimi dati Assoreti (qui la notizia), Hypo Alpe Adria Bank si avvale di una rete di 71 promotori finanziari, ha un patrimonio che a fine marzo si attestava a 625,3 milioni di euro e ad aprile ha registrato una raccolta netta negativa per 12,7 milioni di euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti