Operazioni in derivati, c’è l’accordo tra Verona e UniCredit

A
A
A

Resta invece aperta la causa tra Verona e Merril Lynch, l’altra banca con cui – come ricorda l’agenzia di stampa Reuters – il Comune aveva stipulato i contratti.

di Redazione31 maggio 2013 | 08:14

ACCORDO RAGGIUNTO TRA VERONA E UNICREDIT – Accordo extragiudiziale raggiunto tra il Comune di Verona e UniCredit nell’ambito della causa sui derivati che vede contrapposta l’amministrazione cittadina e le banche. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, che cita “una fonte vicina all’amministrazione comunale”, secondo la quale la chiusura del derivato – con un mark to market negativo per qualche milione di euro – è a completo carico della banca senza oneri per il Comune.

FRONTE APERTO CON MERRILL LYNCH – La parte del debito sottostante al contratto stipulato tra Verona e UniCredit è di 43 milioni di euro su un debito totale oggetto di operazioni in derivati pari a 256 milioni di euro. Il Comune di Verona è assistito dallo studio Iaquinta di Milano. Resta invece aperta la causa tra Verona e Merril Lynch, l’altra banca con cui – come ricorda sempre la Reuters – la città aveva stipulato i derivati.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Mifid 2, ecco il testo del decreto: salvo il 30-bis

È uscito in Gazzetta Ufficiale oggi ed entrerà in vigore il 26 agosto il decreto legislativo numer ...

Mediolanum mantiene il trono di Efpa

Le "casacche di appartenenza" dei prossimi membri del cda, confrontate con i nomi attuali. Ecco il p ...

Fineco, 200 milioni da UniCredit

La banca guidata da Alessandro Foti ha emesso un prestito obbligazionario perpetuo interamente sotto ...