Promotori, Südtirol Bank punta a quota 200 entro fine anno

A
A
A
di Maria Paulucci 10 Giugno 2013 | 14:21
In vista dell’evento del 26 giugno a Milano, BLUERATING ne ha parlato con il direttore generale Christian Lato. Le nuove leve arriveranno da Credito Emiliano, Fineco, Finanza & Futuro e…

EVENTO A MILANO – I 180 promotori finanziari di Südtirol Bank si ritroveranno a Milano mercoledì 26 giugno per il secondo incontro del 2013, dopo quello di febbraio e prima della convention annuale prevista tra la fine di settembre e i primi di ottobre. A parlarne con BLUERATING è il direttore generale Christian Lato. “La giornata di fine giugno sarà divisa in due”, anticipa il manager, “nella mattinata parleremo di questioni legate alla banca, dell’aggiornamento sulle nostre gestioni patrimoniali e sulle sicav di cui siamo advisor, e probabilmente avremo una società ospite. Nel pomeriggio parleremo di assicurativo, perché abbiamo anche una società assicurativa con la quale collochiamo i prodotti di terzi”. Ma il tema principale, secondo le anticipazioni che BLUERATING ha potuto raccogliere, sarà la piattaforma con la quale la banca dirà addio alla carta.

Perché questo evento?
Noi in genere facciamo uno o più incontri in primavera. Quest’anno ne abbiamo fatti due, uno a febbraio e uno adesso a giugno. Poi avremo la convention, quella annuale, che faremo a fine settembre o i primi di ottobre.

Voi in questi mesi avete comunicato molti ingressi. Quanti promotori finanziari avete oggi?
Oggi ne abbiamo 183. Da gennaio siamo stati molto attivi nel reclutamento. Abbiamo avuto 29 nuovi ingressi e abbiamo sollecitato alle dimissioni 15 persone che non lavoravano, quindi dall’inizio dell’anno il bilancio netto è di 14 arrivi. Abbiamo una nuova raccolta di 80 milioni di euro e il patrimonio complessivo è di 740 milioni, incluso l’assicurativo.

Parecchi ingressi anche dalla ex Banca Network Investimenti. Come procede la collaborazione con Carmine Acquaviva (vai qui per la notizia precedente)?
Molto bene. In realtà, Carmine Acquaviva ha inserito metà delle persone da Banca Network Investimenti e l’altra metà da reti diverse, pescando da Sanpaolo Invest, dal Credem, da Finanza & Futuro e da FinecoBank. Non si è concentrato solo su Banca Network Investimenti, anzi.

Qualche nome su uno dei prossimi arrivi?
Nomi no, li facciamo solo quando hanno firmato, prima non è il caso. Contiamo di arrivare entro la fine dell’anno intorno agli 850 milioni di euro di masse complessive e intorno ai 200 promotori finanziari.

Da quali reti arriveranno quelli con cui siete in trattativa in questo momento?
Dal Credem, da Fineco, da Finanza & Futuro, da Barclays. Questi, principalmente, sono i nomi delle reti di provenienza. Noi normalmente cerchiamo professionisti onesti e già conosciuti in esperienze lavorative precedenti da chi li seleziona. Come area geografica, non abbiamo limiti: andiamo dal Nord fino alla Sicilia. E anche come età: guardiamo ai senior ma anche ai junior che per noi hanno del potenziale.

Qual è il portafoglio medio dei vostri promotori, oggi?
È poco sotto i 5 milioni di euro.

Infine, un bilancio a bocce ferme sul 2012?
L’anno è andato bene. Abbiamo chiuso in utile sia il bilancio della banca sia quello consolidato. A fine anno avevamo 171 promotori finanziari. Nei dodici mesi ne abbiamo inseriti 45, mentre ne sono usciti o sono stati allontanati 33 in tutto.

Prevedete altri arrivi da Consultinvest Investimenti sim in vista?
Direi di no. Le persone che ci interessavano sono già arrivate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti