Fideuram ISPB, esplode il digitale

A
A
A
di Andrea Giacobino 3 Luglio 2017 | 08:30
Niente più carta per aprire un conto in banca. Tutto passa da piattaforme Apple, Reply partner tecnologico.

Fideuram Intesa Sanpaolo Private Banking (ISPB), la grande banca private del gruppo Intesa Sanpaolo presieduta da Matteo Colafrancesco e e guidata da Paolo Molesini, compie la sua intera rivoluzione digitale. Da qualche giorno, infatti, non c’è più bisogno di carta per aprire un conto Fideuram ISPB.
Così il processo di onboarding diventa interamente digitale: i consulenti finanziari e private banker dicono addio ai documenti cartacei e si armano soltanto di un tablet.

Tutte le informazioni e le generalità dei nuovi clienti sono raccolte e condivise dai promotori tramite il display di un iPad per essere poi istantaneamente inviate a Fideuram ISPB. Il processo è così più veloce, si riduce la probabilità di errori umani e l’interazione con il cliente diventa più digitale.

Tutto passa attraverso piattaforme Apple, mentre partner tecnologico per il rinnovamento del servizio è stato il gruppo Reply.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram ISPB, dove investono i clienti

Fideuram, gli incentivi ai consulenti

Consulenti, Fideuram ISPB li coccola e li porta alle Maldive

NEWSLETTER
Iscriviti
X