Rovani (B. Euromobiliare): perché scommetterò sul “capitale umano”

A
A
A
Gianluca Baldini di Gianluca Baldini 11 Febbraio 2014 | 12:00
Giuseppe Rovani, nuovo direttore generale dell’istituto private del gruppo Credem, promette di rivoluzionare Banca Euromobiliare con nuovi reclutamenti e…

I PIANI DI GIUSEPPE ROVANI – È arrivato a giugno 2013 e punta a una rivoluzione che valorizzi il capitale umano di Banca Euromobiliare. Stiamo parlando di Giuseppe Rovani (nella foto), il nuovo direttore generale dell’istituto private del gruppo Credem.

Come è andato il 2013 per la Banca?
In attesa dei dati al 31.12.2013 non ancora formalmente disponibili, possiamo comunque tracciare un primo bilancio che conferma la bontà del nostro modello di servizio e, soprattutto, la qualità e la competenze delle persone. Alcuni dati sono rappresentativi del riscontro positivo raccolto dai nostri clienti, più precisamente: il nostro servizio di advisory continua ad erogare idee di investimento, analisi di mercato, report specialistici apprezzati dai clienti che hanno già aderito al nostro servizio di consulenza finanziaria evoluta a pagamento. Nel 2013 un riscontro decisamente positivo arriva da parte della nostra clientela in merito alle soluzioni di investimento proposte, con particolare riguardo alle proposte di risparmio gestito che ci hanno dato soddisfazioni anche in termini di raccolta. Anche sul fronte del reclutamento abbiamo investito e rafforzato la struttura con nuovi promotori finanziari e private banker con una consolidata leadership sul territorio ed uno standing di alta gamma – che hanno apprezzato il nostro modello di business fondato sull’eccellenza nella gestione dei patrimoni privati e delle attività finanziarie per l’impresa ed hanno ritenuto il nostro modello di servizio uno dei pochi presenti sul mercato in grado di sostenere una crescita professionale nel pieno rispetto del quadro normativo di riferimento e degli interessi del cliente.

Previsioni per il 2014?
Per il 2014 abbiamo obiettivi di crescita ambiziosi, sostenuti da tre driver principali: acquisizione di professionisti specializzati nel private banking, valorizzazione del capitale umano presente in azienda e sviluppo strategico della gestione operativa. L’intensa ed accurata attività di selezione svolta da Banca Euromobiliare proseguirà anche nel 2014, orientata alla ricerca di relationship manager, promotori finanziari ma anche professionisti senior provenienti dal mondo bancario, che abbiano una consolidata esperienza nella gestione dei clienti di elevato profilo in piazza ad alto potenziale di sviluppo il segmento private. Punteremo alla valorizzazione delle competenze e delle professionalità che caratterizzano le nostre risorse nonché ad un ripensamento strategico della gestione operativa. La normativa ha ridefinito il ruolo delle istituzioni finanziarie e la consulenza in materia di investimenti è stata elevata a servizio di investimento privilegiato. Per questo motivo abbiamo disegnato una roadmap per implementare i tools necessari a supportare la prestazione del servizio con un sviluppo strategico della gestione operativa, garantendo l’adeguatezza con verifiche dettagliate e maggiore efficienza nei processi collegati alla relazione con il cliente. Conclusa la prima fase con il rilascio di strumenti a supporto dei nostri relationship manager per semplificare la compilazione e per facilitare la trasmissione degli ordini, a beneficio dell’efficienza operativa, ci stiamo dedicando ad affinare gli strumenti per la misurazione del rischio di portafoglio con logiche di adeguatezza multivariata e sono in corso sperimentazioni per implementare la dispositività degli ordini, riducendo così i tempi di esecuzione. Continueremo ad investire affinché la piattaforma tecnologica possa semplificare le attività operative di raccolta ordini e di collocamento, che diverranno sempre più commodity, liberando la risorsa tempo indispensabile al relationship manager per la gestione efficace della relazione con cliente e per l’aggiornamento professionale, indispensabile per un’assistenza di elevato profilo.

Quali sono i punti deboli del settore private italiano?

Gli istituti specializzati nel private banking oggi sono concentrati su modelli abbastanza uniformi. Non esiste un modello di servizio a cui ispirarsi e nemmeno un modello più efficiente e contemporaneamente più efficace, però è indispensabile una caratterizzazione degli operatori per aree di eccellenza che possa supportare lo sviluppo sano di una competitività del mercato mossa da elevata qualità dei servizi per la clientela di riferimento. Per affrontare in modo pragmatico un cambiamento evolutivo richiesto dal mercato, è necessario puntare alla valorizzazione delle specializzazione dei modelli di servizio, creando così aree di eccellenza e di distintività.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

NEWSLETTER
Iscriviti
X