In asta il più famoso francobollo al mondo

A
A
A

Stimato tra i 20 ed i 30 milioni di dollari il British Guiana One-Cent Magenta verrà offerto da Sotheby’s il 17 giugno a New York. Ognuna delle tre volte che è stato battuto in asta nel passato ha stabilito nuovi record per un francobollo.

Biagio Campo di Biagio Campo19 febbraio 2014 | 09:00

Il British Guiana One-Cent Magenta è uno dei più rari francobolli al mondo, grazie all’unica emissione effettuata nel 1856. Il British Guiana è ugualmente noto per la sua storia, essendo stato scoperto da un ragazzino scozzese di dodici anni in Sudamerica nel 1873, e dal quale passò nelle più prestigiose collezioni private di francobolli del mondo. Il British Guiana non è più stato esposto al pubblico dal 1986, quando fu in mostra presso l’Ameripex International Stamp Show di quell’anno.

Il British Guiana proviene dalla proprietà di John Du Pont, che lo acquistò nel 1980, e parte dei proventi dell’asta andranno a beneficio dell’Eurasian Pacific Wildlife Conservation Foundation, fondazione sostenuta da Du Pont.

“Ho trascorso tutta la mia vita di lavoro da Sotheby’s, ma ancor prima di conoscere i grandi capovalori dell’arte, prima di conoscere la Monna Lisa o la Cattedrale di Chartres, sapevo che cosa fosse il British Guiana: allora come ragazzino e collezionista di francobolli rappresentava per me un oggetto magico; lo scolaro di molti anni fa sarebbe felice e sorpreso del fatto di sapere che molto più in la negli anni si sarebbe trovato ad essere custode, anche solo temporaneo, di un tale tesoro mondiale”, queste le parole di David Redden, direttore dei Progetti Speciali e Presidente internazionale del dipartimento di Libri di Sotheby’s.

Nel 1852 la Guyana Britannica cominciò a ricevere dei regolari invii di francobolli postali prodotti in Inghilterra da Waterlow & Sons. Ma nel 1856 un invio via nave di francobolli fu ritardato, e ciò causò un’interruzione del servizio postale in tutto il paese. Le poste della Guyana si rivolsero quindi all’editore del quotidiano locale Royal Gazette, e commissionarono una produzione di francobolli postali: il One-Cent Magenta, il Four-Cent Magenta e il Four-Cent Blue.

Nel 1873 L. Vernon Vaughan, un ragazzo scozzese di dodici anni che viveva con la propria famiglia nella Guyana Britannica, trovò casualmente il francobollo tra un gruppo di carte di famiglia. Da giovane collezionista, Vaughan non poteva sapere che il One-Cent fosse rarissimo, ma certamente lo inserì nel proprio album, e più tardi lo vendette a un altro collezionista locale per pochi scellini.

Il British Guiana One-Cent giunse in Gran Bretagna nel 1878, e subito dopo fu acquistato dal Conte Philippe la Renotière von Ferrary, forse il più grande collezionista di francobolli di tutti i tempi. La Francia si impossessò della sua collezione, che era stata donata al Postmuseum di Berlino, come parte dell’indennizzo dei danni di guerra, e vendette il francobollo nel 1922. Venne acquistato da Arthur Hind, un industriale tessile di New York, che con l’acquisto segnò il primo auction record di 35 mila dollari, cui seguì l’ingegnere australiano Frederick T. Small, poi un consorzio capitanato da Irwin Weinberg, e infine fu comprato da John Du Pont, erede del famoso gruppo chimico. Du Pont acquistò il francobollo in un’asta nel 1980, pagandolo 935 mila dollari, attuale record d’asta per il British Guiana.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Azimut, raccolta sprint a settembre

Consulenza, il futuro secondo Giuliani (Azimut) e Marconi (Chebanca!)

Rendiconti Mifid 2: voti e pagelle, rete per rete

Azimut, anatomia di una rivoluzione che potrebbe cambiare il mercato

Intesa e Azimut, i veri big del dividendo

Banche e reti, i tre tori che fanno gola a Piazza Affari

Azimut, scommessa americana

Azimut, la rivincita degli ex

Azimut, la volatilità rallenta la raccolta di agosto

Reti, le montagne russe ad agosto

Cade il governo, le reti gongolano in Borsa

Borse, la crisi di governo affossa le reti

Il risiko delle reti nel segno BlackRock

Azimut, a luglio la raccolta non va in vacanza

Dividendi, ecco le reti rendono più dei btp

Reti, Mediolanum e Azimut puntano le pmi eccellenti

Azimut, un utile che fa la storia

Azimut, la raccolta rimane tonica a luglio

Azimut, benvenuto al sud

Azimut, la meglio gioventù

Performance fee, le linee guida Esma non danneggiano le reti

Reclutamenti, Azimut spinge sul Triveneto

Rendiconti Mifid 2, ecco i documenti assicurativi di Azimut

Azimut, si conclude il master sul passaggio generazionale

Azimut a Palazzo Mezzanotte, pronta per la nuova sfida

Azimut, impennata degli afflussi

Reti, quando il private equity diventa retail

Azimut mette nel mirino Banca Generali

Azimut si mette in mostra all’ombra del Vesuvio

Reti Champions League: Molesini, giornata da bomber

Caso H2O, faccia a faccia di Natixis con le reti

Azimut, largo alle donne nella rete

Ti può anche interessare

Banche, maxi tagli alle filiali

Secondo i dati della Bce, in un solo anno in Italia sono scomparsi quasi duemila sportelli bancari. ...

Assoreti, l’amministrato spinge la raccolta a ottobre

Le reti di consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede hanno messo a segno una raccolta ...

Carige, BlackRock detta le sue condizioni

Dopo l’uscita di scena del fondo Varde, a Banca Carige ormai rimane solo BlackRock. Il gestore ame ...