Consulenti: l’Esma rivede i requisiti di adeguatezza

A
A
A
Maria Paulucci di Maria Paulucci 20 Luglio 2017 | 10:06
Mifid 2 e consulenza: Esma ha avviato una consultazione pubblica per rivedere gli Orientamenti del 2012 in tema di requisiti di adeguatezza.

Si apre un nuovo importante momento di confronto nell’ambito del passaggio epocale da Mifid a Mifid 2. Nei giorni scorsi, l’Esma – l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati – ha dato l’avvio a una consultazione pubblica per rivedere gli Orientamenti pubblicati nel 2012 in tema di requisiti di adeguatezza, alla luce delle nuove disposizioni della Mifid 2. La consultazione si chiuderà il 13 ottobre. L’Esma pubblicherà il documento definitivo entro la metà del 2018.

Esattamente come nell’ambito di Mifid e a maggior ragione con la Mifid 2, il processo di valutazione dell’adeguatezza di un consiglio di investimento o di portafoglio al profilo del cliente è un elemento basilare nel servizio di consulenza. La revisione degli Orientamenti Esma è quindi un’importante occasione per ripensare questo processo allo scopo di migliorare la qualità del servizio offerto ai risparmiatori, in linea con la maggiore e più efficace tutela che vuole garantire Mifid 2.

Ecco il testo della consultazione.
[pdf-embedder url=”https://www.bluerating.com/wp-content/uploads/sites/2/2017/07/Esma_consultazionepubblica.pdf”]

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ITForum Online Week: il nuovo mondo della consulenza finanziaria indipendente

Consulenza indipendente, un sogno sulle orme di Jeff Bezos

Consulenti, chi trova una donna trova un tesoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X