Capire lo stress degli advisor nel nuovo docu-film su Wall Street

A
A
A
di Daniel Settembre 15 Aprile 2014 | 11:27
La regista britannica Katharine Round punta il suo occhio su un mondo fatto di stress, depressioni, ansie e disuguaglianze finanziarie.

IL NUOVO DOCU-FILM – Di film sulla finanza a Wall Street o sulla crisi post-Lehman ne sono stati già prodotti parecchi. “Ma nessuno di questi ha indagato a fondo il costo socio-psicologico delle diseguaglianze finanziarie nel mondo sviluppato”, ha dichiarato la regista britannica Katharine Round (nella foto a destra), che si sta lanciando nel progetto di realizzare un documentario sull’economia globale e l’impatto di quest’ultima sugli stili di lavoro e la psicologia dei “colletti bianchi” a Wall Street. Compresi i consulenti e i promotori finanziari. L’uscita del docu-film dal titolo originale “Security, Insecurity and the Future of the West”, come riporta il sito WealthManagement, è prevista nei primi mesi del 2015.

DEPRESSIONE A WALL STREET
– Per il progetto la Round sta intervistando personalità di spicco del mondo della finanza, come Min Zhu, direttore generale del Fondo monetario internazionale o il premio Nobel, Amartya Sen. Ha, inoltre, trascorso – facendo delle riprese – una settimana nella clinica di New York del dottor Alden Cass, che ha passato gli ultimi dieci anni a prendersi cura della salute psicologica dei professionisti finanziari. Un suo studio sanitario comportamentale, intitolato “Casualties of Wall Street: An Assessment of the Walking Wounded”, ha provato che il 23% degli advisor ha più probabilità di soffrire di depressione rispetto al resto della popolazione (7%). Gli stessi advisor, infine, sono più a rischio di esaurimento, abuso di sostanze, depressione e ansia.

ESSERE PERFETTI – Oggi la prescrizione di farmaci tra gli advisor è in aumento e le cliniche di riabilitazione che si rivolgono ai dipendenti di Wall Street si stanno riempiendo. E sono soprattutto le giovani leve quelle più a rischio perché non stanno facendo i soldi che pensavano di fare con questo lavoro. In più, ci sono sempre nuovi problemi e nuove regole da seguire e molti di loro hanno la sensazione di dover essere “perfetti” per sopravvivere in questo mondo.

INFLUENZARE LA NOSTRA VITA
– “Le persone del mondo occidentale hanno in comune molte più cose di quanto probabilmente si rendano conto”, ha concluso la regista. “Volere il meglio per i nostri figli, bilanciare lo stress tra lavoro e vita privata e avere il controllo sulle nostre decisioni: sono questi fattori che incidono sulla nostra vita. Indipendentemente dalla situazione economica”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Advisor Mantra: indipendenza

Advisor Mantra: attenzione al cliente

Advisor Mantra: tecnica

NEWSLETTER
Iscriviti
X