Anche Azimut lancia i suoi Pir

A
A
A

La società presenta AZ Fund Italian Excellence 3.0 e AZ Fund Italian Excellence 7.0, due nuovi comparti della piattaforma lussemburghese destinati anche alla costituzione dei Piani individuali di risparmio a lungo termine.

Chiara Merico di Chiara Merico21 luglio 2017 | 15:27

DUE PRODOTTI – Il gruppo Azimut si lancia nel mondo dei Pir: la società fondata da Pietro Giuliani e guidata da Sergio Albarelli, con oltre 47 miliardi di euro di patrimoni in gestione, presenta AZ Fund Italian Excellence 3.0 e AZ Fund Italian Excellence 7.0, due nuovi comparti della piattaforma lussemburghese destinati anche alla costituzione dei Piani individuali di risparmio a lungo termine (Pir) introdotti dalla legge di bilancio 2017. Italian Excellence 3.0 e Italian Excellence 7.0, attraverso una politica di investimento orientata agli strumenti finanziari di piccole e medie imprese italiane, rappresentano un ponte verso la crescita delle aziende italiane, fornendo al contempo agli investitori l’opportunità di ottenere redditi di natura finanziaria in un regime di esenzione dall’imposta sui capital gain e dall’imposta di successione.

LE CARATTERISTICHE – Entrambi i comparti Italian Excellence, secondo i requisiti di legge previsti, investono almeno il 70% del portafoglio in strumenti finanziari emessi da imprese che svolgono attività diverse da quella immobiliare residenti in Italia o in un altro Stato dell’Unione Europea ma con branch in Italia. Di questo ammontare, almeno il 30%, pari al 21% del totale, sarà investito in strumenti finanziari emessi da imprese diverse da quelle inserite nell’indice FTSE Mib o in indici equivalenti di altri mercati regolamentati. Azimut offre agli investitori la possibilità di investire nei comparti Italian Excellence “Pir compliant” scegliendo tra due differenti alternative, entrambe gestite da AZ Fund Management SA con l’advisory di Azimut Capital Management Sgr, sulla base del peso massimo della componente azionaria: Italian Excellence 3.0 prevede una componente equity massima del 30%, mentre in Italian Excellence 7.0 questa quota può rappresentare fino al 70% degli attivi netti del prodotto. “Queste nuove soluzioni di investimento beneficiano delle forti competenze di gestione che Azimut da sempre esprime sull’azionario italiano. Con il Pir Italian Excellence offriamo inoltre uno strumento capace di avvicinare i risparmiatori al mondo dell’economia reale, in linea con l’obiettivo che perseguiamo da quattro anni con il progetto Libera Impresa”, è il commento di Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut Capital Management e co-direttore generale di Azimut Holding.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bluerating Awards 2018, ecco le dodici reti in gara

La grande festa sta per finire?

L’estero spinge la raccolta Azimut

Azimut, tre motivi per cui fa gola a Mediobanca

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Azimut, raccolta a tutto gas

Azimut? Vale 50 euro

Azimut, Donatoni si prende il WM…e non solo

Azimut, utile sopra le attese

Azimut pigliatutto nei reclutamenti

Azimut, l’estero trascina la raccolta

Debutta Azimut Private Debt

Parte IMPact Sim, i tre supergestori ex di Azimut tornano in scena

Azimut, che colpi nel Nord Ovest

Il ruggito di Azimut nel reclutamento

Fideuram ISPB in cima, Azimut in fondo

Il deal Sofia fa bene alla raccolta di Azimut

Peninsula, dove investe il nuovo socio di Azimut

Azimut, Giuliani: “Credono in noi”

Azimut si rafforza con un nuovo socio

Azimut investe nell’olio biologico

Azimut prende 11 private banker da Fineco

I fondi di Sofia ora sono di Azimut

Azimut, nuovo socio in vista

Timone Fiduciaria salirà in Azimut

Azimut, frenata d’inizio anno

 Azimut, patto di sindacato in manovra

Azimut, l’estero sorregge la raccolta

Azimut e Banca Generali regine dei dividendi

Reclutamento, tre big in doppia cifra

Martini (Azimut CM): “I nostri piani per il ricambio generazionale”

Azimut CM, il 2018 parte a forza 20

Azimut, arriva il cedolone

Ti può anche interessare

Mediobanca, Alierta esce dal cda

L’ex numero uno di Telefonica lascia per dedicarsi meglio alle sue iniziative filantropiche ...

BLUERATING in edicola: “Sostenibilità per guadagnare”

Il numero di aprile del magazine dedica la sua storia di copertina a un'intervista a Manuel Noia, co ...

Banco Bpm, si prepara a chiudere 500 sportelli

Intervista ad Affari&Finanza dell’amministratore delegato Castagna, che parla anche dei piani ...