Banca Etruria cerca un nuovo partner dopo il no di Bpvi

A
A
A
Avatar di Redazione 20 Giugno 2014 | 07:11
Il cda di Banca Etruria ha dato mandato al presidente Rosi per avviare un processo di sollecitazione del mercato volto a individuare partner interessati a un’aggregazione.

ALLA RICERCA DI UN NUOVO PARTRNER – Il cda di Banca Etruria ha dato mandato al presidente Lorenzo Rosi per avviare un processo di sollecitazione del mercato volto a individuare in tempi brevi partner interessati a un’aggregazione, dopo il no della Banca Popolare di Vicenza secondo cui non ci sono più i presupposti per proseguire le trattative.

PER BPVI L’OFFERTA VINCOLANTE È DECADUTA – L’istituto veneto ha infatti preso atto della risposta da parte del board di Banca Etruria all’opa lanciata lo scorso 28 maggio (qui la notizia) e in particolare dell’assenza di una preliminare valutazione positiva, cui era subordinata l’offerta (qui la notizia). Di conseguenza, ha spiegato Bpvi, “l’offerta vincolante è decaduta”. Il processo di aggregazione, avviato da Banca Etruria su indicazione di Bankitalia, deve avvenire “secondo modalità che ne consentano il perfezionamento entro tempi definiti e che siano, al contempo, rispettose dei propri valori aziendali e degli interessi dei propri stakeholders”, si legge nella nota diffusa dal gruppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Etruria, 14 ex dirigenti rinviati a giudizio

Banca Etruria, Fornasari evita due multe

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

NEWSLETTER
Iscriviti
X