Doris: Faremo anche la banca d’affari

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 31 Luglio 2017 | 08:29
Il presidente di Mediolanum: “vogliamo portarci in casa una piccola merchant bank a sostegno delle pmi”. La quota in Mediobanca.

Ennio Doris (nella foto) farà anche il banchiere d’affari. Il presidente di Banca Mediolanum guidata dal figlio Massimo ha annunciato ieri la piccola rivoluzione del gruppo di Basiglio in un’intervista al “Corriere della Sera”. “Saremo intermediari con banche d’investimento – ha detto – ma stiamo anche guardandoci intorno per portarci in casa una piccola banca d’affari, o rilevare una quota di minoranza, o prendere persone che abbiano quelle competenze”.

Doris ha parlato di banca d’affari a proposito della crescita della raccolta Mediolanum sui Pir che investono sulle Pmi: “le società quotate – ha spiegato – devono diventare migliaia: noi facciamo roadshow con le associazioni imprenditoriali e spieghiamo che con i Pir oggi c’è denaro per finanziare i progetti di medio termine, se sono credibili”.

Va osservato che Mediolanum è già azionista importante e membro del patto di sindacato di Mediobanca, la più importante banca d’affari italiana. Col 3,33% del capitale, il gruppo è rappresentato in consiglio Mediobanca da Maurizio Carfagna, che segue anche molti business personali dei Doris. “Noi – ha detto recentemente Massimo Doris – continueremo a restare dentro al patto di sindacato Mediobanca. Mediobanca è gestita bene, siamo azionisti soddisfatti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Mediolanum, anche Fedez sulla Lunghezza d’Onda di Flowe

Banca Mediolanum, porte aperte agli ex-bancari

Banca Mediolanum, raccolta negativa a settembre

NEWSLETTER
Iscriviti
X