Andrea Cingoli: porterò Banca Esperia in una nuova era

A
A
A
di Redazione 1 Agosto 2014 | 12:15
A partire dall’inizio del 2014, Banca Esperia ha avviato un intenso piano di reclutamenti per ampliare il team di private banker e, a fine giugno, contava su 15,5 miliardi di euro di asset under management

UNA NUOVA ERA – Si apre una nuova era per Banca Esperia. Il nuovo business plan della private bank di Mediobanca e Banca Mediolanum, presentato dall’a.d. Andrea Cingoli, prevede una crescita di respiro internazionale e una ridefinizione delle funzioni interne. Già a partire dall’inizio del 2014, la società ha avviato un intenso piano di reclutamenti per ampliare il team di private banker e, a fine giugno, contava su 15,5 miliardi di euro di asset under management, costi in calo e ricavi da commissioni in crescita, mentre l’utile netto si attestava intorno ai 7,5 milioni di euro. Il tutto in un contesto non semplice per il settore.

IL PRIVATE BANKING IN ITALIA – “Dopo la crisi del 2008”, ha spiegato Cingoli a Investmenteurope.net, “il private banking in Italia è caduto in una crisi strutturale e oggi, anche se si iniziano a vedere segnali di miglioramento, si è ancora lontani dai livelli precedenti il crollo”. A peggiorare la situazione, ha proseguito, “l’aumento delle regolamentazioni sta rendendo i prezzi non più convenienti”.  Non solo: il private banking ha perso il suo appeal perché il modello di business tradizionale, basato sui servizi di asset management, non soddisfa più la necessità di diversificazione dei clienti, che stanno diventando sempre più sofisticati. “In Italia circa l’80% dei clienti sono imprenditori high net worth che seguono principalmente un modello di business di tipo familiare e guardano più alla preservazione del capitale che alla sua crescita. Inoltre, tradizionalmente i clienti private italiani amano gli investimenti immobiliari domestici e destinano a questa asset class gran parte del loro portafoglio”, ha spiegato ancora Cingoli. Un altro elemento di difficoltà è costituito poi dal fatto che in Italia non sempre i clienti private hanno molta familiarità con la gestione della ricchezza. 

UN NUOVO MODELLO – Proprio per reagire a questo contesto, ha continuato Cingoli, Banca Esperia ha aperto la propria architettura orientandosi verso un modello di private investment banking e ha investito in modo consistente nel rafforzamento del proprio team di banker. “Puntiamo a creare un modello che non sia basato semplicemente sulla distribuzione, ma che offra servizi di asset management attraverso le piattaforme italiana e lussemburghese con un approccio ad architettura aperta; soluzioni di consulenza nella gestione della ricchezza, e consulenza corporate e immobiliare”, ha detto Cingoli.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X