Apple, la iBank si fa sempre più vicina

A
A
A

Nella data della possibile presentazione dello smartwatch, la vera sorpresa potrebbe essere il nuovo servizio di pagamento della Mela

Avatar di Redazione1 settembre 2014 | 08:30

GLI ACCORDI – Mentre tutti aspettano con ansia la presentazione del nuovo iPhone e dello smartwatch, la vera sorpresa per il 9 settembre – data della conferenza della Apple– potrebbe essere l’iBank, il servizio di di pagamento cui Apple sta lavorando da mesi. Secondo quanto scrive Milano Finanza, la società guidata da Tim Cook starebbe definendo gli accordi con i principali circuiti di carte di credito per completare la piattaforma per i pagamenti elettronici di beni fisici negli esercizi commerciali. Visa, Mastercard e American Express, insieme a un chip Nfc per la comunicazione con i sistemi di lettura delle carte di credito di nuova generazione installati presso milioni di esercizi commerciali, consentirebbero infatti di gestire in modo veloce e sicuro ogni tipo di pagamento.

CARTA DI CREDITO – Gli indizi ci sono tutti. Apple può già contare anche su due asset fondamentali in questo campo, ovvero il sistema di riconoscimento delle impronte digitali del proprietario già presente sull’attuale iPhone, che permette così di evitare di dover inserire il codice pin a ogni acquisto superiore a 19 euro. E soprattutto oltre 800 milioni di utenti che hanno già registrato una carta di credito sul proprio account iTunes per acquistare beni digitali come film, brani musicali a app.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Apple Card, la nuova carta di credito della mela morsicata

Gestori globali, ecco i titoli preferiti

Apple lancia una nuova carta di credito con Goldman Sachs

Apple, la Mela è caduta in testa alle borse

I big tech del mondo schivano 71 miliardi di tasse

Apple cade in borsa, vende meno iPhone del previsto

L’iPhone day fa correre Stmicroelectronics a Milano

Da Apple bonus multimilionario a Tim Cook

Wall Street, Apple perde quota dopo la trimestrale

La giornata a New York: occhio a Apple, GM, Ford e le banche

Apple segna nuovi massimi storici a Wall Street

Apple Pay, presto il debutto in Italia

Non combattete la disruption

Addio petrolio, benvenuta tecnologia: quali erano le 5 aziende di maggior valore nel 2006 e quali sono nel 2016

Wall Street perde quota, delude la trimestrale di Apple

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Wall Street in stallo: brilla Monsanto, incerta Apple

Apple Pay si muove: avviati i primi contatti con le banche italiane

Apple reaches a new milestone: 1 billion iPhones sold

Apple mette di buon umore Wall Street

Apple Pay ora disponibile per Visa in Svizzera

Anche Equitalia si fa digital, lanciata l’app per pagare via mobile e tablet

Google non sarà mai una banca

Apple Pay sbarca anche in Canada

Promotori, le 5 app da mettere al polso

New York sottotono, calo di Apple pesa più del recupero del greggio

Apple piace agli investitori di New York

Wall Street spera in una ripresa più solida

Bnp Paribas, idee per investire su Apple

Apple attacca Nokia: “copiano”

Ti può anche interessare

BinckBank sfoggia un super utile operativo

Nel 2018 l'Italia aumenta l'utile operativo dell'83% ...

Consulenti, le paure dei vostri clienti

Siamo un popolo di formiche. Quante volte ce lo siamo sentiti dire, forse fin troppo. Ad ogni modo q ...

Bellingeri (Credit Suisse AM Italy), è tempo di strumenti passivi

Gli strumenti passivi sono stati il segmento a più alta crescita nello scorso decennio a livello gl ...