Remunerazioni top presso banche e sim, Bankitalia detta le scadenze

A
A
A

Le informazioni sulle remunerazioni relative al 2013 vanno comunicate entro il 31 ottobre. In un solo caso specifico, il termine slitta al 31 dicembre.

Maria Paulucci di Maria Paulucci13 ottobre 2014 | 09:21

REMUNERAZIONE – C’è tempo fino a fine ottobre, o alla fine dell’anno in un caso specifico, per le comunicazioni – da parte delle banche e delle sim non appartenenti a gruppi, delle capogruppo di gruppi bancari e di sim con riferimento al gruppo stesso e delle succursali italiane di banche e sim che hanno sede in un paese non facente parte dell’Unione europea – relative alle remunerazioni dei cosiddetti high earners e per la trasmissione – da parte dei gruppi bancari con attivo consolidato superiore a 40 miliardi di euro e, per finalità di vigilanza nazionale, da parte delle banche e dei gruppi bancari con attivo di bilancio superiore a 3,5 miliardi di euro – delle rilevazioni sulla cosiddetta attività di benchmarking. Lo fa sapere la Banca d’Italia ricordando che fin dal 2012 l’Autorità bancaria europea (Eba) e le autorità di vigilanza nazionali sono tenute a raccogliere ed elaborare informazioni in materia di sistemi di remunerazione nelle banche e nelle imprese di investimento.

DUE LINEE GUIDA
– Le rilevazioni si basano su due linee guida, che riguardano per l’appunto l’attività di raccolta presso tutte le banche e le imprese d’investimento di informazioni riguardanti gli high earners, ossia i soggetti la cui remunerazione totale è pari ad almeno un milione di euro su base annuale, e la cosiddetta attività di benchmarking, finalizzata a monitorare e confrontare le tendenze e le prassi remunerative – in particolare dei cosiddetti “risk takers” – in un campione di intermediari europei significativi selezionato dalle competenti autorità di vigilanza secondo i criteri di rappresentatività forniti dall’Eba. Solo per la rilevazione da svolgere quest’anno, gli intermediari devono trasmettere alla Banca d’Italia le informazioni relative a entrambe le attività di raccolta di dati entro il 31 ottobre 2014. Per gli intermediari soggetti alla rilevazione in materia di benchmarking per finalità di vigilanza nazionale (attivo di bilancio compreso tra i 40 e i 3,5 miliardi di euro), il termine per l’invio delle informazioni è fissato al 31 dicembre. Le informazioni raccolte devono riferirsi alle remunerazioni relative al 2013.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Board Bce, l’Italia candida Panetta

Titoli di Stato, in aprile boom di acquisti dall’estero

Bankitalia: servono diplomazia e buon senso con l’Ue

Conto Arancio, mazzata di Bankitalia

Btp: che rivincita dopo il flop Italia

Carige, terremoto ai vertici

Capitali, 40 miliardi in fuga dall’Italia

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Bilanci delle sim e delle sgr, ecco che cosa cambia

Fondi comuni, che stangata in dieci anni

Bcc a una svolta, dite la vostra sulla nuova vigilanza

Arbitro bancario, ecco le reti nel mirino

Tutela del risparmio, audizione di Visco (Bankitalia) al Senato

Bufera su Bsi in Italia

Ubi Banca e Bper salgono in borsa dopo nota Bankitalia

Social lending made in Italy, cosa dice la nuova (?) legge

Banca d’Italia pubblica le attese Disposizioni in tema di social lending

Sanzioni per banche e manager, più poteri a Bankitalia

Intermediari e rischi, Bankitalia accetta suggerimenti fino al 18 dicembre

Bankitalia: 20 società in amministrazione straordinaria

Intermediari in difficoltà, da Bankitalia la lista delle procedure di amministrazione straordinaria

Banche, Visco: la vigilanza sta seguendo “casi gravi ma non gravissimi”

C’è più oro nei forzieri di Via Nazionale

Banche in affanno, sei nuove procedure da inizio anno

Vigilanza sugli intermediari, Bankitalia si riorganizza

Visco (Bankitalia): necessaria crescita e unione piena

Bankitalia: il reddito delle famiglie calerà ancora

Banche, Visco ritocca le garanzie per i finanziamenti dalla Bce

Bankitalia, un faro sugli stipendi dei manager

Promotori finanziari, la spinta arriva dai depositi

Spending review: bye bye Isvap e Covip, arriva l’Ivarp

Fiduciarie, con la riforma nuove regole antiriciclaggio

Ti può anche interessare

Contributi Consob, ora i consulenti vogliono un taglio

Sappiamo bene che da diversi mesi le funzioni di vigilanza sul nuovo Albo Unico dei Consulenti Finan ...

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Emergono nuovi dettagli dall'inchiesta condotta dalla Procura di Milano ...

Consulenti, c’è un’app tutta per voi

Si chiama T.I.E. - The Intermonte Eye e mette a dispisione un servizio informativo per i financial a ...