Promotori, ricordatevi di dare il vostro indirizzo Pec all’Agenzia delle Entrate

A
A
A
Maria Paulucci di Maria Paulucci 13 Ottobre 2014 | 10:04
L’obbligo è stato introdotto con provvedimento del direttore dell’Agenzia e del comandante generale della Guardia di Finanza dell’8 agosto. Ecco i termini.

COMUNICARE LA PEC ENTRO IL 31 OTTOBRE – È fissato per il 31 ottobre 2014 il termine entro il quale i promotori finanziari devono assolutamente comunicare all’Agenzia delle Entrate il loro indirizzo di Posta elettronica certificata. Sul suo sito, Anasf ricorda la scadenza e anche che i promotori finanziari avevano già l’obbligo – sulla base del cosiddetto decreto Sviluppo, il 179/2012 – di avere un indirizzo di Posta elettronica certificata e che lo stesso indirizzo dovrebbe già risultare dai registri della Camera di Commercio. Malgrado l’informazione relativa alla Posta elettronica certificata sia quindi già in possesso della pubblica amministrazione – e quindi l’Agenzia delle Entrate avrebbe potuto acquisire autonomamente le informazioni presso le Camere di Commercio competenti – la stessa Agenzia, sottolinea l’Anasf, prevede uno specifico obbligo di comunicazione a carico del promotore finanziario.

COME INOLTRARE LE INFORMAZIONI
– Nello specifico, l’obbligo di comunicare l’indirizzo di Pec all’Agenzia delle Entrate è stato introdotto con provvedimento del direttore dell’Agenzia e del comandante generale della Guardia di Finanza dell’8 agosto scorso. La casella Pec servirà per ricevere e rispondere a eventuali richieste di informazioni che, ai fini di lotta al riciclaggio e di monitoraggio fiscale, i promotori finanziari potrebbero ricevere dalle autorità competenti con riferimento ad alcuni loro clienti e a operazioni realizzate con l’estero. La comunicazione dell’indirizzo Pec, fa presente Anasf, deve avvenire – come per le dichiarazioni – attraverso il canale Entratel o FisconLine. Verosimilmente quindi, conclude l’Anasf, l’adempimento andrà gestito dal promotore finanziario col proprio consulente fiscale, al quale il professionista dovrà comunicare i dati relativi alla sua casella.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Casa, rischio stangata nei prossimi anni

Consulenti, stangata Iva

Arriva la mini voluntary. Ecco quanto costa e a chi si rivolge

Consulenti, istruzioni per l’uso sullo spesometro

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Contribuenti, occhio all’Iva

Fatture, termine prorogato al 28 settembre

Evasione, quattro “Paradisi” nel mirino

“Voluntary 2” a rischio di flop

Sanatoria per le liti pendenti

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Anima fa pace col fisco e paga 8,9 milioni

Voluntary, accertamenti col turbo

Evasione, blitz delle Entrate in Lussemburgo

Fisco, ecco le istruzioni per lo scambio di informazioni Italia-Usa

Agenzia delle Entrate e Inps insieme contro le frodi

Gestori, occhio alle scadenze fiscali di lunedì 18 maggio

Spesometro, c’è tempo fino al 22 per le comunicazioni sul 2013 (se hai partita Iva)

Agenzia delle Entrate, al via i correttivi anticrisi agli studi di settore

Rapporti finanziari: cambiano i tempi per la comunicazione integrativa

Agenzia delle Entrate, 9,1 miliardi dalla lotta all’evasione

Scudo, il Fisco indaga su 2000 evasori

Scudo Fiscale: proroga al 31 dicembre 2010

Fondi immobiliari, plusvalenze più costose

Il chiarimento dovuto DA ADVISOR

NEWSLETTER
Iscriviti
X