Bufi (Anasf): con la quotazione dei fondi si rischia la disintermediazione

A
A
A
di Maria Paulucci 24 Ottobre 2014 | 07:00
Il presidende di Anasf segnala: partendo dal presupposto che la quotazione genererebbe un mercato più efficiente, si rischia di disintermediare il settore.

PROGETTO ANCORA “MOLTO FUMOSO” – Sulla quotazione dei fondi comuni in Borsa, il presidente di Anasf Maurizio Bufi è cauto. “Intanto, per vedere approdare i fondi comuni aperti e le sicav in Borsa, occorre aspettare l’emanazione delle regole definitive di Banca d’Italia e Consob. Tuttavia, il progetto è ancora molto fumoso, poiché non si conoscono i costi della quotazione dei fondi e come questi potrebbero impattare sui risparmiatori. Ma quel che più preoccupa è che – partendo dal presupposto che la quotazione genererebbe un mercato più efficiente – si rischia di disintermediare il settore e questo è scorretto”.

Secondo lei, che cosa cambierà per i canali distributivi e per i professionisti che Anasf rappresenta?
È verosimile la creazione di diverse classi di quote di fondi, alcune riservate al collocamento e altre alla negoziazione in Borsa, dove relativamente alla prima fattispecie l’attività di consulenza che accompagna il collocamento è imprescindibile e appannaggio delle reti e del promotore finanziario nella sua veste consulenziale. Mentre alle seconde si rivolgerà l’investitore fai-da-te.

A questo proposito: non si rischia il “trionfo” del fai-da-te, come molti paventano? Oppure ci si renderà conto che serve consulenza specializzata?
L’opportunità riguarderà una nicchia di investitori, quelli competenti e attrezzati dal punto di vista dell’approccio razionale agli investimenti, mentre per gli altri – assai più numerosi – vedo qualche possibile criticità, in quanto spesso condizionati dall’emotività e che quindi vanno guidati nelle loro scelte di pianificazione delle scelte di investimento. È chiaro, in altre parole, come anche per questa via aumenterà la richiesta di consulenza finanziaria, verosimilmente specializzata, che solo operatori qualificati possono garantire e come questa richieda una politica di pricing e di remunerazione adeguate.


Non perdere lo speciale “fondi quotati” sul prossimo numero del mensile Bluerating.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, ecco il corso di laurea ad hoc

Anasf, Conte all’evento di ABI

Anasf, Alma Foti all’Uni di Parma

NEWSLETTER
Iscriviti
X