Chiudono gli smartwatch finanziati da Doris ma Zanella non farà più il pf

A
A
A
di Redazione 10 Novembre 2014 | 11:05
I’m Watch ha alzato bandiera bianca. Ma ora l’ideatore Zanella, ex pf di Banca Mediolanum, potrebbe coinvolgere Doris in nuove avventure imprenditoriali.

ADDIO I’M WATCH – Dopo che la I’m Watch ha alzato bandiera bianca di fronte a due colossi hi-tech come Samsung e Apple (qui la notizia), l’ideatore degli orologi intelligenti, Manuel Zanella, ex promotore finanziario di Banca Mediolanum, continuerà a lavorare a nuove idee, ma esclude di tornare tra le fila dei family banker di Ennio Doris, finanziatore della start-up nata tre anni fa.

 LA POTENZA DI FUOCO DI SAMSUNG E APPLE – “Noi siamo stati i primi al mondo a creare uno smartwatch, già nel 2011”, ha spiegato a BUERATING Zanella, che ha creato I’m Watch insieme a Massimiliano Bertolini (qui la notizia). “Ma quando nel 2012 è uscito il primo orologio intelligente targato Samsung, la situazione è cambiata”. Nel giro di un anno infatti, il colosso sudcoreano ha lanciato ben quattro modelli differenti di smartwatch, l’ultimo dei quali dotato anche di scheda sim. E a settembre 2014 anche Apple ha fatto il suo ingresso nel mercato degli orologi intelligenti presentando il suo Apple Watch. “Quando si muovono questi gruppi, hanno una potenza di fuoco straordinaria e delle possibilità di investimento sproporzionate rispetto alle nostre risorse, per cui una riflessione abbiamo dovuto farla”, ha spiegato Zanella.

IL PROSSIMO PASSO
– “Per questo abbiamo decidere di sospendere la commercializzazione degli I’m Watch, e di ricordarli come i pionieri di questo mercato”. Quanto al futuro, Zanella, che si autodefinisce un “ingegnere creativo”, ha intenzione di buttarsi in nuove avventure imprenditoriali e non esclude che Doris possa sostenerle ancora. “Ennio Doris ha creduto nelle mie idee, le ha finanziate e abbiamo fatto molte buone cose insieme. Ma è presto per sapere quale sarà il prossimo passo”, ha spiegato. Una cosa è certa: “non credo proprio che tornerò a fare il family banker in Banca Mediolanum, dove ho conosciuto Doris”, ha detto ancora Zanella. Per ora “mi concentro sul mio business di roaming low cost, Zero Mobile”, un’altra delle idee in cui il patron di Banca Mediolanum ha creduto e che ha deciso di sostenere con risorse proprie (qui la notizia).

Nella foto qui sopra, da sinistra: Manuel Zanella, Ennio Doris e Massimiliano Bertolini

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ennio Doris, un botto da 500 milioni

“Io, Ennio Doris e quella volta ad Arcore”

Ennio Doris (Banca Mediolanum): “Fusione tra banche? Sì ma per gli altri”

NEWSLETTER
Iscriviti
X