Cesareo (Augustum Opus sim): col fattore Azimut masse in crescita

A
A
A
di Diana Bin 8 Gennaio 2015 | 07:57
Integrazione con Azimut e non solo: la società presieduta da Giuliano Cesareo fa il punto con BLUERATING anche sui progetti e sulla quotazione dei fondi.

PARLA GIULIANO CESAREO – Il 2015 si prospetta ricco di novità per Augustum Opus sim. La società presieduta da Giuliano Cesareo, che ha concluso l’anno con masse in crescita, è gestore delegato di un nuovo fondo obbligazionario lanciato a dicembre da New Millennium Sicav, la stessa che ha presentato domanda per la quotazione in Borsa di 13 dei suoi comparti. Un’opportunità, quella di portare i fondi a Piazza Affari, che Augustum Opus sim ritiene molto positiva, perché consente di rendere accessibile la sua offerta a un pubblico più ampio di investitori. A fare il punto con BLUERATING è proprio il presidente Cesareo (nella foto).

Come sta andando il processo di integrazione con Azimut?
Procede a buon ritmo. I vertici di Azimut da giugno fanno parte nel nostro consiglio e sono in fase di integrazione le attività delle funzioni di controllo. Mentre nell’attività di asset management, come nella gestione della società nel suo complesso, i vertici continuano a governare i processi aziendali in assoluta autonomia, come previsto dagli accordi. Come si è chiuso il 2014 a livello di utile e di raccolta netta? I risultati di conto economico sono molto buoni e in linea con gli esercizi precedenti, mentre sotto il profilo delle masse under management nel 2014 registriamo il record per la nostra società, con una crescita complessiva intorno ai 150 milioni di euro sul 2013.

Come vede la negoziazione dei fondi in Borsa?
Noi gestiamo alcuni comparti di sicav da molti anni. La società prodotto di questi comparti (New Millenium Sicav, n.d.r.) ha già provveduto alla richiesta di ammissione alla quotazione in Borsa. Per noi questo è un fatto molto positivo, perché in questo modo la qualità della gestione e l’eccellenza dei risultati potranno essere concretamente apprezzati da un pubblico più ampio.

Quanti e quali sono oggi i vostri fondi?

I fondi sono sei, e sono New Millennium Augustum High Quality Bonds, New Millennium Augustum Corporate Bond, New Millennium Italian Diversified Bond, New Millennium Augustum Market Timing, Rinascimento Augustum Games e Rinascimento Augustum Balanced Equity Europe. Altri prodotti in arrivo? Il 5 dicembre New Millennium Sicav ha lanciato un nuovo comparto, il New Millennium Sicav Augustum Extra Euro High Quality Bond, di cui Augustum Opus è gestore delegato, che investirà in titoli di alto rating denominati in valute diverse dell’euro senza alcun limite di natura geografica. Noi crediamo che ci sia valore in questo nei prossimi anni.

Su quali asset class punterete nel 2015?
La nostra è una gestione globale che investe in ogni asset class variandone l’esposizione sulla base di scelte di tipo value. Nei prossimi mesi l’equity continuerà ad avere un leggero sovrappeso, mentre per quanto concerne la componente obbligazionaria, che è un po’ il nostro fiore all’occhiello – i comparti che gestiamo occupano stabilmente i primi posti nelle classifiche europee a 10 anni – proseguiremo nella strategia di diversificazione valutaria avviata alla fine del 2013 nella convinzione che continuerà il trend ribassista dell’euro, nell’ambito di un generale sovrappeso della componente corporate.

Oggi a quanto ammontano le vostre masse? E quanti clienti avete?
I clienti delle gestioni patrimoniali sono circa 250 per una massa complessiva di 725 milioni e un portafoglio medio di poco meno di 3 milioni. A ciò si aggiungono 25 milioni in consulenza e 450 milioni di masse presenti nelle sicav gestite in delega, per un totale pari a circa i 1.200 milioni. Oggi il nostro team in totale conta 15 persone, di cui otto dedicate all’attività di gestione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X