Promotori, Mps addio: con Cardamone vertici più snelli per Widiba

A
A
A
di Maria Paulucci 9 Gennaio 2015 | 08:50
Con Widiba, la rete della promozione finanziaria ex Mps prevede “un’articolazione snella, con due livelli manageriali”. Ecco cosa cambia. E perché.

ARTICOLAZIONE “SNELLA” – Una “articolazione snella”, con “due livelli manageriali”. A distanza di quasi due mesi dalla notizia dell’uscita di due figure di primo piano per la promozione finanziaria di Mps, ovvero Mario Incrocci e Luca Zaccagnini (qui la notizia), Banca Widiba – alla quale il 22 dicembre è stata conferita la rete della promozione finanziaria da Banca Monte Paschi di Siena – fa sapere in una nota che “da oggi la rete della promozione finanziaria prevede un’articolazione snella, con due livelli manageriali rappresentati dalle figure degli area manager e dei district manager e con il coordinamento di Massimo Giacomelli (foto a sinistra), manager della banca di comprovata esperienza e conoscenza della rete, il quale riporterà all’amministratore delegato Andrea Cardamone(foto a destra).

“MASSIMA EFFICIENZA”
– Questo, si legge ancora sulla nota, “con l’obiettivo di garantire massima efficienza e semplicità dei processi organizzativi e un miglior livello di servizio alla clientela“. A ciò si affianca “un piano molto ambizioso di reclutamento per raggiungere un target complessivo di oltre 1.000 promotori finanziari nel triennio (vai qui per la notizia precedente). Una crescita che sarà bilanciata attraverso un giusto mix di professionisti già affermati sul mercato o provenienti da scuole di formazione e inserimento di giovani talenti. Con questo modello distributivo”, sottolinea ancora la nota, “la nuova banca coniuga la componente digitale con quella ad alto contenuto relazionale“. Ecco allora che “i personal advisor, attuali e futuri, arrivano in un ambiente che nasce con loro e si svilupperà ulteriormente con il loro contributo, basato su un sistema di relazione che offre grande impulso alla crescita della rete e che mette a disposizione tutti gli strumenti per agevolare la produttività e l’efficienza dei suoi promotori finanziari. Un valore e una grossa opportunità anche per un’evoluzione della loro stessa professione per renderla più moderna e al passo con i tempi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit-Mps, le nozze costano 7 miliardi

Mps, private e corporate insieme in una nuova divisione

Mercati: il Ftse Mib carica la molla

NEWSLETTER
Iscriviti
X