Promotori, chi ha paura dei robo-advisor?

A
A
A
di Redazione 14 Aprile 2015 | 07:31
I mercati finanziari sono sempre più regolamentati, ma la possibilità di fare a meno degli intermediari si potrebbe estendere anche all’attività di investimento e qui la rivoluzione digitale si chiama robo-advisor.

LA RIVOLUZIONE DIGITALE DEI ROBO-ADVISOR – I tempi cambiano rapidamente e la visione oggi delle peripezie spericolate del finanziere Leonardo DiCaprio nel film “The Wolf of Wall Street” sembra inconciliabile con la realtà attuale. I mercati finanziari sono sempre più regolamentati, ma la possibilità di fare a meno degli intermediari si potrebbe estendere anche all’attività di investimento e qui la rivoluzione digitale si chiama robo-advisor. Infatti fra pochi mesi, con l’introduzione della Mifid 2, si aprirà un bivio tra la consulenza resa su base indipendente (e renumerata solo a parcella) e la consulenza tout court per la quale verrà ancora consentita la modalità renumerativa legata alle retrocessioni delle società prodotto. In tale contesto bisognerà rendere più evidente il valore aggiunto di un consulente finanziario e nel contempo essere attenti a non gravare di costi insostenibili il cliente.

GLI EFFETTI – È evidente che se i costi si applicheranno sottoforma di percentuale sulle somme in gestione, sotto un certo livello non sarà più possibile fornire un servizio. Pertanto succederà ciò che già sta avvenendo nei Paesi anglosassoni, dove la consulenza indipendente è un lusso riservato ai portafogli più rilevanti e il numero dei promotori si è drasticamente ridotto. Nel contempo stanno nascendo piattaforme che offrono tecnologie sempre più sofisticate per gestire portafogli complessi ottimizzando il profilo di rischio di investimento anche per piccoli importi, grazie a sofisticati algoritmi di adeguamenti automatici. La forza sta nella capacità di attivare automatismi in tempo reale con tempi di decisione brevissimi. Alcuni fattori spingono verso queste tendenze: in primis il fatto che i giovani sono più a loro agio con un sistema informatico che con una persona. Inoltre le piattaforme di scambio automatico dei prodotti, vedi fondi in Borsa, stanno prendendo corpo e in futuro giocheranno un ruolo importante. Quando avverrà? Operatori storici come Schroders hanno di recente investito per comprare una quota rilevante nel robo-advisor Nutmeg: sarà un caso?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor vs consulenti, Consob rivela quando il cliente preferisce gli umani

Consulente o robot? Meglio ibrido

Goldman Sachs, 50 miliardi sulla robo advisory

NEWSLETTER
Iscriviti
X