Ennio Doris fa l’ottimista e alza le stime sull’utile 2015

A
A
A

Il patron del gruppo prevede che quest’anno il risultato netto sarà “sicuramente superiore” ai 321 milioni del 2014, “probabilmente anche in modo consistente”.

di Diana Bin29 aprile 2015 | 14:57

UTILE 2015Mediolanum alza l’asticella dell’utile netto per il 2015. “A inizio anno avevamo previsto di chiudere l’anno in linea con il 2014 (quando il risultato netto era stato pari a 321 milioni di euro, qui la notizia). Invece le cose stanno andando molto meglio del previsto, grazie al buon andamento della raccolta netta, delle commissioni di performance e delle commissioni di gestione”, ha detto il patron del gruppo, Ennio Doris (nella foto insieme al figlio Massimo), nel corso della conference call per la presentazione dei conti trimestrali (qui i dettagli). “Questo ci fa proiettare sicuramente l’utile 2015 sopra la cifra registrata nel 2014, probabilmente anche in modo consistente, ma dipende dal mercato”, ha continuato Doris, specificando che il gruppo rivedrà al rialzo anche il target per il 2016.

DOSSIER BANCA ESPERIA – Quanto alla voce, circolata più volte, di una possibile uscita del gruppo di Basiglio da Banca Esperia, la joint venture al 50% con Mediobanca, Doris ha spiegato che “quando l’abbiamo fondata, Banca Esperia era strategica per noi perché ci permetteva di accedere a una fascia molto elevata di risparmiatori che con il nostro marchio non riuscivamo a raggiungere”. Ora però, ha proseguito, “l’appeal di Banca Mediolanum è cresciuto molto, tanto che riusciamo a coprire autonomamente questo segmento, quindi Esperia non è più così strategica. A questo punto, visti anche il buon momento del settore del risparmio gestito e lo scongiurato rischio Paese, la società può essere interessante sia per gruppi stranieri che vogliono entrare in Italia, sia per il nostro partner che eventualmente voglia salire al 100%”. Fatta questa premessa, ha concluso Doris, “io sono un potenziale venditore, magari la cessione avverrà tra un anno o due, si tratta per ora solo di un’ipotesi”.

LA QUOTA IN MANO A FININVEST – Quanto infine al ricorso al Tar dell’ex premier Silvio Berlusconi contro l’obbligo disposto dalla Banca d’Italia di vendere la quota che eccede il 9,9% di Fininvest in Mediolanum, pari a circa il 20% (qui la notizia), Doris si aspetta che, se effettivamente la partecipazione sarà ceduta, “poco o niente arriverà sul mercato, perché in molti hanno già manifestato interesse”. Oggi la famiglia Doris detiene più del 40% del gruppo, una quota, ha proseguito il top manager, “sufficiente per continuare a mantenere il controllo anche senza il patto con la Fininvest di Berlusconi”. Ma, ha precisato, “se una parte di questo 20% dovesse arrivare effettivamente sul mercato, io sicuramente ne rileverei un 3,4, massimo 5%”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti, i benefit per i top manager

Mediolanum Investment Banking advisor per DBH Holding

Violazioni assortite, radiato ex Mediolanum

Massimo Doris vale 100 milioni

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Sospetti di appropriazione indebita, sospeso un ex cf di Banca Mediolanum

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Banca Mediolanum, maggio dieci e lode

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Doris (B.Mediolanum): “L’incertezza può frenare i Pir”

B. Mediolanum, i pac anti turbolenza salvano la raccolta

Reclutamento, Banca Mediolanum torna in testa

Deal a Porta Nuova per Mediolanum Real Estate

La scure della radiazione su un ex Mediolanum

Banca Mediolanum diventa Nomad

Pubblicità, per Mediolanum una questione di Testa

Banca Mediolanum, aprile a forza 12

Bimbi in ufficio a Banca Mediolanum

Mediolanum, consulenza sotto la Madonnina. Affittato da Cattolica Palazzo Biandrà

B.Mediolanum, cala l’utile e rallenta la raccolta

Banca Mediolanum, taglio del nastro a Bergamo

Mediolanum CU, altre tre tappe per il Progresso

Banca Mediolanum, pagamenti più facili con un Plick

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

Tris d’assi per Banca Mediolanum

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Banca Mediolanum, Pac più che triplicati

Bozzolin (B.Mediolanum): “Rapporto umano al centro”

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Banca Mediolanum, lo scatto di Doris nel nuovo spot

Mediolanum mantiene il trono di Efpa

Doris e l’armata di Piazza Affari

Doris (Banca Mediolanum): “La nostra agenda per la crescita”

Ti può anche interessare

Banca Imi quota due nuove Obbligazioni Collezione

Si tratta di un’obbligazione a tasso misto in euro e di un’obbligazione tasso misto in dollari U ...

Pokerissimo per Widiba

5 nuovi nomi per rafforzare la rete del gruppo Mps ...

SocGen: “La fusione con UniCredit? Per ora non se ne parla

Il gruppo francese ha smentito che il cda si stia occupando della questione ...