Consob, sospeso un promotore ex Mps

A
A
A
di Redazione 4 Maggio 2015 | 13:30
La Consob ha sospeso in via cautelare per 60 giorni Alessandro Moschetti dall’esercizio dell’attività di promotore finanziario. Ecco perché.

SOSPENSIONE – La Consob ha sospeso in via cautelare per 60 giorni Alessandro Moschetti dall’esercizio dell’attività di promotore finanziario. Il motivo? Le gravi irregolarità rilevate e segnalate da Banca Mps, per cui Moschetti lavorava.

LA DINAMICA – Nel dettaglio, si legge nella delibera n. 19138, il promotore avrebbe acquisito somme di denaro da diversi clienti per un importo complessivo di circa 3.100 euro effettuando prelievi e pagamenti non autorizzati a mezzo bancomat a valere su conti correnti accesi dagli stessi clienti presso Banca Monte dei Paschi di Siena. Moschetti avrebbe inoltre richiesto l’apertura di un conto corrente e il rilascio di una carta bancomat in nome di una cliente contro la volontà della stessa.

VIOLAZIONI – Il promotore è stato dunque ritenuto responsabile dell’acquisizione, anche mediante distrazione a favore di terzi, di disponibilità dei clienti; dell’effettuazione di operazioni non autorizzate; dell’utilizzazione dei codici di accesso telematico ai rapporti di pertinenza della clientela. Si tratta di violazioni passibili di radiazione dall’Albo. Per il momento, vista la necessità e l’urgenza di proteggere gli investitori, la Consob ha optato per una sospensione in via cautelare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Generali, Consob: via libera all’Opa su Cattolica

Dws e N26, stretta della Consob tedesca

300 mila euro dalla cliente, consulente in Versilia finisce nei guai

NEWSLETTER
Iscriviti
X