Ricerca Ing: il mobile banking in Italia ha preso il volo

A
A
A
di Diana Bin 25 Maggio 2015 | 12:32
Lo rileva l’Indagine Internazionale Ing sul Mobile Banking condotta da Ing Bank su un campione di 15.000 risparmiatori in 15 Paesi in cui l’istituto è presente.

ITALIANI PIU’ ATTIVI SUL MOBILE BANKING – Il 36% degli italiani in possesso di smartphone utilizza oggi i servizi di mobile banking contro il 23% di un anno fa (dato calcolato in modalità leggermente differente, ma di fatto confrontabile con l’attuale rilevazione). E per 9 su 10 ciò ha migliorato la gestione del denaro. A dirlo è I’Indagine Internazionale Ing sul mobile banking condotta da Ing Bank su un campione di 15.000 risparmiatori in 15 Paesi in cui l’istituto è presente.



IL CONFRONTO CON L’EUROPA
-Confrontandola con gli altri Paesi sottoposti alla survey, l’Italia si colloca al di sotto della media europea del 41% considerando l’intera popolazione bancarizzata, mentre i Paesi Bassi, con il 58% di utenti mobile banking conquistano il primo posto, seguiti dagli Stati Uniti con il 50% e dal Regno Unito con il 49% di risparmiatori attivi su servizi bancari digitali da dispositivi mobili.  Gli europei sono inoltre propensi a passare a questi servizi nei prossimi 12 mesi: 15% rispetto all’8% degli Stati Uniti e al 9% dell’Australia. Non solo. In Europa, l’85% dei risparmiatori che utilizzano il mobile banking ha riscontrato grazie a questa tecnologia un miglioramento nella gestione delle proprie risorse economiche, sentendosi più “padrone” delle proprie finanze personali e più puntuale nei pagamenti (la percentuale sale al 90% in Italia). Dalla ricerca di Ing è emerso inoltre un certo scetticismo nei confronti delle app di pagamento di operatori non bancari: l’84% degli intervistati ha, infatti, affermato di fidarsi più delle banche che dei gruppi come Google e Apple o dei social media, che non superano insieme un 9% di “fan”.

IL COMMENTO DI CASTELLI – “In Ing c’è oggi grande fermento in tema di digitale e innovazione” ha detto Damiano Castelli, head of retail banking per l’Italia. “Nuovi progetti in chiave digitale nascono ogni trimestre nelle varie country per offrire ai clienti un servizio sempre più distintivo e moderno. E’ stato anche creato un dipartimento dedicato all’innovazione che ogni anno seleziona a livello internazionale le migliori idee e proposte dei dipendenti per migliorare la vita dei clienti e consentire loro di essere “un passo avanti nella vita e nel business”. “Anche in Italia si registrano segnali di crescita nell’utilizzo del mobile banking, lo dimostra l’incremento di clienti attivi su canali mobile che dal 20% del 2014 è passato al 31% del 2015 e il numero di App mediamente scaricate al giorno: oggi siamo a quota 1.100 app scaricate ogni giorno, 150 in più al giorno rispetto ad un anno fa”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Conto Arancio, mazzata di Bankitalia

Hsbc Holding e ING Bank completano transazione commerciale su blockchain

Mobile banking: cresce l’utilizzo da parte degli italiani

NEWSLETTER
Iscriviti
X