Banche, rimpasto in cda per Carige

A
A
A

Il board ha preso atto delle dimissioni rassegnate dai consiglieri Luca Bonsignore, Lorenzo Cuocolo e Giuseppe Zampini e ha cooptato Beniamino Anselmi, Marco Macciò e Giampaolo Provaggi

di Diana Bin29 maggio 2015 | 12:28

NUOVE NOMINE – Nuove nomine nel cda di Banca Carige. Il board presieduto da Cesare Castelbarco Albani (nella foto) ha preso atto delle dimissioni rassegnate dai consiglieri Luca Bonsignore, Lorenzo Cuocolo e Giuseppe Zampini e ha cooptato Beniamino Anselmi, Marco Macciò e Giampaolo Provaggi. Si tratta in sostanza di un primo rimpasto della governance dell’istituto genovese dopo l’ingresso del gruppo Malacalza, prima con l’acquisto del 10,5% dalla Fondazione e poi con un ulteriore 4,66% dai francesi di Bpce.

AUMENTO DI CAPITALE – Il patto prevede anche che, nell’elezione del cda di Carige, Malacalza “si impegna a presentare e votare una lista nella quale sarà indicato nella terza posizione, il nominativo di un candidato consigliere desigato dalla Fondazione, a condizione che la Fondazione medesima detenga, al momento della presentazione della lista, una partecipazione in Carige superiore allo 0,3% del capitale sociale”. Carige ha approvato un aumento di capitale da 850 milioni che dovrebbe partire all’inizio del mese prossimo.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Banco Bpm, il bilancio sorride

Cresce l'utile semestrale rispetto al 2017 e si punta allo sviluppo della rete commerciale ...

Consob, cartellino rosso a quattro società

Le società offrivano servizi e attività di investimento in violazione dell’articolo 18 del Tuf. ...

Consulenza con i piedi

Riconoscere il linguaggio non verbale del cliente. Spesso comunichiamo con il nostro corpo più di q ...