Investimenti, ecco come trarre il massimo dal proprio consulente finanziario

A
A
A
di Diana Bin 5 Giugno 2015 | 08:55
Parla Silvia Barettini, membro della Professional Womens’ Association, che riunisce donne professioniste e manager per aiutarle nella loro crescita professionale.

QUADRO ESAURIENTE E TARGET PRECISI – Come approfittare al meglio del nostro private banker o consulente finanziario, senza al contempo avere la sensazione di perdere il controllo sulle scelte di investimento? Fornendogli un quadro esauriente della propria situazione e obiettivi chiari. Parola di Silvia Barettini, ex director in Banca Esperia a Milano e membro della Professional Womens’ Association, che riunisce donne professioniste e manager per aiutarle nella loro crescita professionale.

POCHE CERTEZZE
– “Il contesto in cui viviamo e lavoriamo è profondamente mutato in un lasso di tempo molto breve: non esistono più certezze rispetto alla stabilità del lavoro e degli introiti, né della pensione; non esiste più un investimento privo di rischio, né ci sono rendimenti sicuri ed allettanti quali potevano essere fino a pochi anni fa quelli obbligazionari”, ha osservato Barettini, secondo cui in questo scenario diventa “imprescindibile condividere la gestione del proprio patrimonio con professionisti del mestiere”.

UN PROCESSO DI CONSULENZA STRUTTURATO – Ma come trarre il massimo vantaggio da questa collaborazione? “Dobbiamo intendere la consulenza finanziaria come uno strumento che ci permetta di acquisire consapevolezza circa nostro cash flow attuale e prospettico, di individuare il tenore di vita minimo che riteniamo tollerabile e su questa base di delineare i nostri progetti di vita e riconoscere e contenere i rischi che li possono sabotare”, ha spiegato ancora Barettini. “Per approfittare al meglio degli strumenti di cui oggi un banker dispone, chiediamogli di impostare un processo di consulenza strutturato: offriamo una chiara panoramica dell’organizzazione del patrimonio famigliare, con i suoi obiettivi e le sue criticità; definiamo insieme un assetto target dello stesso e un piano di azione suddiviso per progetti; presidiamo all’implementazione operativa”. Si tratta di passaggi pratici, che fanno parte del quotidiano di ciascuno: è meglio invece “lasciare ai professionisti gli aspetti tecnici ai professionisti, cercando di fornir loro un quadro il più possibile completo e un chiaro indirizzo sugli obiettivi, per permettergli di intercettare la nostra unicità ed irrepetibilità”.

UN APPROCCIO MENTALE NUOVO – Spesso, sottolinea Barettini, si tende a identificare la struttura del proprio portafoglio finanziario in base agli strumenti finanziari dai quali è composto: in questo modo però, rischia di non esser chiaramente finalizzato a supportare esigenze specifiche, diventando invece il risultato di una stratificazione di prodotti, frutto di gestioni diversificate. “Adottiamo noi stessi, e imponiamo al nostro banker, una struttura mentale diversa: quali sono i progetti che il patrimonio deve sostenere? Le variabili sono più o meno simili per tutti, ma ciascuno potrà assegnarvi una differente priorità, a seconda della fase della vita e delle proprie esigenze personali:
-    redditività finalizzata al mantenimento del tenore di vita per integrare una diminuzione degli introiti/una crescita degli esborsi
-    redditività orientata al sostegno dei famigliari (figli/genitori)
-    mantenimento del patrimonio a scopo successorio
-    finanziamento progetti specifici
-    etc.
L’investimento in strumenti finanziari è l’ultimo tassello della consulenza, con indicazione del prodotto più adatto – in ottica di profilo temporale e di rischio – per sostenere il singolo progetto”.

UN PATRIMONIO GESTITO PER PROGETTI – L’obiettivo insomma, conclude l’esperta, “è quello di passare da un patrimonio gestito per prodotti – che è più immediato nella costruzione, ma manca di scopo – ad uno gestito per progetti, che risponde maggiormente alle esigenze del cliente perché permette di efficientare i suoi investimenti, senza al contempo nulla togliere alla ancora maggiormente giustificata redditività della consulenza del banker”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, le 9 frasi da non dire al proprio manager

Consulenza, ora gli italiani ci credono di più

ITForum Online Week: il nuovo mondo della consulenza finanziaria indipendente

NEWSLETTER
Iscriviti
X