Finanza & Futuro, tutti i numeri del 2014 ai raggi X

A
A
A
di Maria Paulucci 9 Giugno 2015 | 08:25
Deutsche Bank Italia ha chiuso il 2014 in utile. Positivo l’apporto di Finanza & Futuro. Ecco tutti i numeri evidenziati nella relazione pubblicata il 5 giugno.

“APPORTO POSITIVO” – In Italia Deutsche Bank ha chiuso il 2014 con un utile di oltre 60 milioni di euro, 62 considerando il gruppo nel complesso (vai qui per leggere l’articolo precedente). È quanto emerge dalla relazione al bilancio consolidato, pubblicato sul sito di Deutsche Bank Italia venerdì 5 giugno. “In aumento”, si apprende dalla relazione, “l’apporto positivo delle società consolidate, con un miglioramento di 10,6 milioni di euro. L’effetto è dovuto principalmente alle due partecipate bancarie, Finanza & Futuro Banca (nella foto sotto, l’a.d. Armando Escalona), con un incremento dell’utile netto di circa euro 3,1 milioni, e Deutsche Bank Mutui, che ha riportato un risultato positivo di euro 0,8 milioni rispetto ai 6,5 milioni di perdita dell’esercizio 2013″. Il margine commissionale si è attestato a 408,5 milioni di euro, “risultando di fatto invariato rispetto al 2013, con un incremento dello 0,2%”. Un dato su cui hanno pesato in negativo Deutsche Bank Spa, che ha registrato un calo di 4,1 milioni di euro, e DB Mutui, con -3,2 milioni di euro, “a fronte di un maggior apporto positivo di Finanza & Futuro Banca Spa” per via dei maggiori ricavi per collocamento di titoli e distribuzione di prodotti assicurativi.

RACCOLTA NETTA IN CRESCITA
– Per quanto riguarda Finanza & Futuro, la raccolta netta del risparmio gestito si è attestata, a fine 2014, a circa 1.431 milioni di euro rispetto agli 853 milioni nel 2013, con un +67,8%. La raccolta netta complessiva nel 2014 si è attestata a quota 1.912 milioni di euro, in crescita del 147,5% rispetto ai circa 773 milioni di euro di fine 2013. Un risultato che beneficia anche dell’aumento della raccolta del risparmio amministrato, che è passata dagli 80 milioni di euro di raccolta negativa del 2013 ai 481,6 milioni di euro di raccolta positiva del 2014. La relazione segnala anche che il dato relativo all’asset under control – patrimonio gestito e patrimonio amministrato – è salito dai 10.573 milioni di fine 2013 ai 12.516 milioni di fine 2014, con un incremento del 18,4%. “Analizzando nel dettaglio la composizione del portafoglio gestito dalla rete”, si legge ancora sulla relazione, “si conferma anche per il 2014 un’ottima incidenza della componente dei prodotti del risparmio gestito: l’88,7%, in linea con il 2013″. Un dato che il gruppo considera particolarmente positivo, se confrontato con il valore medio del mercato pari al 77,2% secondo Assoreti.

I NUMERI DI FINANZA & FUTURO
– Anche il dato relativo all’organico della rete di vendita si è mantenuto sostanzialmente in linea, attestandosi a 1.520 promotori finanziari contro le 1.540 unità di fine 2013. Stabile il numero dei clienti: all’incirca 127mila a fine anno. Il 2014 è stato anche l’anno dell’iniziativa “Fai la mossa vincente”, finalizzata ad aumentare l’attività di raccolta con un bonus dell’1% fino a un massimo di 5.000 euro a tutti i clienti nuovi o già in essere che tra il primo febbraio e il 30 giugno 2014, previa apertura di un conto corrente presso Deutsche Bank, hanno apportato nuovi investimenti in Finanza & Futuro. Tramite questa operazione la società ha realizzato, nel periodo sotto incentivo, una raccolta di circa 849 milioni di euro, sottoscritta da 5.698 clienti. Il costo totale dell’operazione è stato di circa 10,5 milioni di euro. Nell’ambito dell’attività di collocamento di prodotti di investimento finanziari, nell’esercizio 2014 la società ha proseguito la distribuzione di prodotti di investimento emessi dal gruppo Deutsche Bank e, in particolare, della sicav DB Advisory Multibrands. Il gruppo sottolinea inoltre “la sempre maggiore importanza” di F&F Strategist, servizio di consulenza progettato dalla società.

DISTRIBUZIONE E COLLOCAMENTO
– Avanti poi con la distribuzione di certificati erogati da Deutsche Bank AG e con il collocamento di prodotti bancari del gruppo Deutsche Bank Italia, come conti correnti (circa 70mila a fine 2014), affidamenti, prestiti, mutui e le carte di credito emesse da DB Easy. Confermati, “con l’obiettivo di mantenere attivo il modello di distribuzione basato sull’architettura aperta”, gli accordi di distribuzione siglati negli anni precedenti con Anima, BlackRock, Carmignac, Dws Investments, Fidelity, Franklin Templeton, Invesco, Jp Morgan, Lemanik, Morgan Stanley, Pictet, Pimco, Schroders, Seb, Threadneedle e Ubs. Nel 2014 la partnership tra la società e il gruppo Zurich ha consentito di allargare la gamma di prodotti previdenziali e assicurativi del ramo vita. In parallelo, su questo fronte è proseguita l’attività formativa della rete.

ESERCIZIO IN UTILE
– L’esercizio 2014 di Finanza & Futuro si è chiuso con un utile netto di 13.923.228 di euro, dai 10.813.208 di euro dell’esercizio 2013, con un +28,8% circa. Un risultato che si deve principalmente dall’incremento delle commissioni nette, che si attestano a circa 62 milioni di euro a fine 2014 contro i 54 milioni di fine 2013, per via dell’andamento particolarmente positivo della raccolta di prodotti del risparmio gestito e di prodotti assicurativi. Nel 2015, si apprende sempre dalla relazione, “la società si pone l’obiettivo di sviluppare ulteriormente l’attività di collocamento di prodotti, principalmente previdenziali e assicurativi, confermando il trend positivo degli ultimi esercizi. L’evoluzione dei ricavi, come per il passato, è collegata all’andamento della raccolta e del patrimonio collocato. Tale andamento sarà influenzato anche dalla dinamica dei mercati finanziari. Sul fronte dei costi operativi, la società proseguirà nel corso del 2015 il processo di riorganizzazione finalizzato a sviluppare il maggior numero di sinergie con il gruppo Deutsche Bank“.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Deutsche Bank: “Saremo la casa delle imprese europee”

Deutsche Bank: utile ancora in crescita

Deutsche Bank, una mano per le tartarughe

NEWSLETTER
Iscriviti
X