Commissioni di istruttoria veloce, spesso applicarle è un abuso

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato 12 Giugno 2015 | 06:53
Le banche applicano con sempre maggiore frequenza e spesso a sproposito la cosiddetta Civ, la Commissione di istruttoria veloce. In questi casi la commissione diventa illegittima e va rimborsata

DOMANDA. Negli ultimi tempi, un mio cliente è finito a più riprese in rosso con il conto presso un altro istituto, dove di volta in volta hanno applicato la Commissione di istruttoria veloce con addebiti spropositati rispetto all’entità dello scoperto. Non dico che non debba pagare alcunché, ma almeno pagare in maniera equa. Come può agire? Faccio notare che la mia banca non applica ai clienti alcuna commissione se non i normali interessi a debito.
F.C., Milano

RISPOSTA. Qualcosa è possibile fare. Il decreto 30 giugno 2012 del Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio, “Disciplina della remunerazione degli affidamenti e degli sconfinamenti in attuazione dell’articolo 117-bis del Testo unico bancario”, apparso nella Gazzetta Ufficiale n. 155 del 5 luglio ha disciplinato gli oneri a carico della clientela che ottiene affidamenti bancari. È previsto che sulle aperture di credito, oltre al tasso d’interesse, possa essere applicata una commissione onnicomprensiva nella misura massima dello 0,5% trimestrale della somma messa a disposizione. Sugli sconfinamenti, inoltre, è possibile applicare una commissione di istruttoria veloce, salvo per i consumatori che abbiano sforato per una somma inferiore a 500 euro per un tempo pari o inferiore a sette giorni. Un’esenzione possibile soltanto una volta per trimestre. Viene anche stabilita la nullità delle clausole nel caso in cui un istituto di credito non rispetti quanto stabilito. Molte banche hanno iniziato ad applicare la Civ a tappeto e si è dovuti ricorrere all’Arbitro Bancario Finanziario (Collegio di Roma, numero 3260 del 2014) dove è stato sancito che la banca deve provare di aver compiuto ogni volta una istruttoria veloce. Inoltre, la costante applicazione della Commissione di istruttoria veloce ogni qualvolta si verifichi una situazione di “rosso” sul conto corrente che genera una situazione di mancanza di disponibilità di fondi del conto stesso fa sì che si arrivi alla ricomparsa, sotto il nuovo nome di quella che era la vecchia Commissione di massimo scoperto, con la conseguenza che la Commissione di istruttoria veloce diventa illegittima e deve essere rimborsata al cliente.

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Portare monete storiche all’estero

SPORTELLO ADVISORY – Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Fate attenzione ai broker Forex

Carte di credito, il recesso va comunicato bene

Obbligare al bonifico per pagare scuola calcio o palestra? Violata la norma sui pagamenti in contanti

“Good news” per i possessori dei Buoni postali 1986

Supermulta perché manca clausola di non trasferibilità

SPORTELLO ADVISORY – Che rogna incassare un postdatato

Le polizze abbinate ai mutui rientrano nel calcolo del tasso usurario

Super multa per assegno senza clausola di trasferibilità. Che fare?

Carta di credito nel C.A.I. Che fare?

Versato assegno postdatato? L’operazione va stornata

Cointestatario incassa buono postale all’insaputa degli altri: il rimedio c’è

Etf esteri, che ingiustizia le due tasse sui dividendi

SPORTELLO ADVISORY – Il destino crudele di un iscritto al Cai

Pagamenti online, l’importanza di ricevere gli sms

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ti può anche interessare

Banca Generali, un anno nel segno dalla Consulenza Evoluta

4,7 miliardi di euro di masse in gestione. E’ questo l’imponente risultato, sopra le pre ...

Doris (Mediolanum): i Pir sono strumenti benedetti

L'amministratore delegato del gruppo di Basiglio è intervenuto durante l'evento online di Confindus ...

Elezioni Anasf, liste a confronto: il ricambio generazionale

E’ scattata l’ora campagna elettorale in casa Anasf. Dopo la presentazione delle liste che si co ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X