Intesa Sanpaolo ora è anche un po’ cinese

A
A
A
di Redazione 25 Giugno 2015 | 09:30
Con comunicazione odierna la People’s bank of China – l’istituto centrale cinese – ha dichiarato di detenere il 2,005% di Intesa Sanpaolo.

LA CINA IN CA’ DE SASS – La Cina entra in punta di piedi nell’azionariato di Intesa Sanpaolo. Secondo una comunicazione odierna, infatti, la People’s bank of China – l’istituto centrale cinese -  ha dichiarato di detenere il 2,005% di Ca’ de Sass. Lo stesso istituto annovera tra gli investitori stranieri società come Blackrock (4,9%) e Norges Bank (2,09%). Ai valori borsistici si tratta di un investimento di circa un miliardo.

SHOPPING IN ITALIA – L’ultimo investimento non è altro che l’ultima mossa di una dinamica in atto dal 2012, quando i capitali cinesi iniziarono a riversarsi in tutta Europa. In quel periodo il totale degli investimenti diretti ammontava a soli 6 miliardi di euro, meno degli investimenti di nazioni come l’Islanda o la Nigeria. Ma alla fine del 2012 gli investimenti cinesi nell’Ue si erano già più che quadruplicati. E l’anno scorso la Cina si è focalizzata sulle società italiane, su cui gli investimenti cinesi non sono lontani dal valore di 10 miliardi. Oltre alle varie blue chip nei settori dell’energia e delle infrastrutture, per quanto riguarda la finanza, la Cina ha investito anche un 2% in Generali e poi in Mediobanca.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X