Entro fine anno Amazon diventerà banca anche in Italia

A
A
A
Avatar di Diana Bin 30 Giugno 2015 | 13:34
Entro fine anno il colosso Usa guidato da Jeff Bezos porterà in diversi Paesi, tra cui l’Italia Amazon Lending, il servizio prestiti per imprenditori e società di piccole e medie dimensioni.

AMAZON SI FA BANCAAmazon si cala nei panni di una banca: entro fine anno il colosso Usa guidato da Jeff Bezos (nella foto) porterà in diversi Paesi, tra cui l’Italia, il servizio prestiti per imprenditori e società di piccole e medie dimensioni: il servizio si chiama Amazon Lending ed è già attivo dal 2012 negli Stati Uniti e in Giappone.

IL SERVIZIO PRESTITI
– Secondo alcuni analisti, i prestiti Amazon sono un’operazione rischiosa perché il colosso dell’e-commerce non sarebbe a conoscenza dei dati reali relativi ai settori e ai mercati in cui operano imprenditori e piccole società. Ma il gruppo di Seattle ha fatto sapere che l’operazione è già stata un successo in Usa e Giappone e che il lancio è alle porte non solo in Italia ma anche in Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Canada, Cina e India.

ALGORITMI PER SCEGLIERE I DESTINATARI
Amazon ha precisato inoltre che la sua offerta è destinata esclusivamente a imprenditori e piccole società che utilizzano la piattaforma per il proprio business e necessitano di prestiti a breve termine per essere più competitivi Per poter richiedere un prestito bisogna essere invitati da Amazon, non fare una richiesta spontanea. La casa di Seattle userà algoritmi interni per scegliere i venditori, basandosi sulla popolarità dei loro prodotti e la frequenza con cui esauriscono le scorte.

L’ESPERIENZA NEGLI USA – Negli Stati Uniti i prestiti Amazon variano da un minimo di 1.000 dollari fino a un massimo di 600mila dollari per una durata che arriva fino a 3-6 mesi. Il tasso di interesse richiesto compreso tra il 6% e il 14% è giudicato in linea con quello offerto dalle banche e dalla principali carte di credito.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

Jeff Bezos lascia la carica di Ceo della sua Amazon: ha altri problemi sui cui concentrarsi

La ripresa è online: i casi Alibaba, Amazon e Zalando

NEWSLETTER
Iscriviti
X