Carige rilancia Ponti, Gargiullo nuovo a.d.

A
A
A
Maria Paulucci di Maria Paulucci 7 Luglio 2015 | 07:00
Il manager dovrebbe subentrare a Ragaini nel cda di mercoledì 8 luglio. In arrivo, secondo Il Messaggero, altri due banchieri di lungo corso.

NUOVO A.D. PER BANCA CESARE PONTICarige, sempre più nel solco del socio Vittorio Malacalza, non lascia ma anzi rilancia Banca Cesare Ponti. È quanto segnala il quotidiano Il Messaggero, che in vista del cda di mercoledì 8 luglio riferisce qualche anticipazione. Innanzitutto, il consiglio di amministrazione, scrive il giornale, eleggerà il nuovo amministratore delegato dopo l’uscita di Andrea Ragaini e il suo ingaggio presso Banca Generali (qui la notizia). A sostituirlo nel ruolo, sempre secondo Il Messaggero, dovrebbe essere Claudio Gargiullo, direttore commerciale della capogruppo e direttore generale di Carige Italia, la subholding che ha gli sportelli fuori dalla Liguria.

CONSIDERATA STRATEGICA – Questi gli sviluppi dopo che, all’incirca una settimana fa, il cda di Carige ha fatto saltare il banco con Banca Finnat per la cessione di Banca Cesare Ponti, che nell’ottica condivisa con Malacalza – il quale negli ultimi giorni avrebbe portato la sua partecipazione dal 14,9% al 17% – è strategica e merita un piano di rilancio. Dunque Gargiullo sarà presto il nuovo a.d., secondo Il Messaggero, mantenendo gli altri due incarichi. Non solo: il cda di domani dovrebbe cooptare Beniamino Anselmo, banchiere di grande esperienza con un passato in gruppi bancari come Cariplo, Intesa, Capitalia, Bpm. Atteso anche l’arrivo di Giuseppe Lopez, ex UniCredit e Banco di Sicilia.

EFFETTO DELL’AUMENTO DI CAPITALE – La nuova linea riflette la sintonia tra il nuovo socio di riferimento da una parte e il presidente Cesare Castelbarco Albani con l’a.d. Piero Montani dall’altra, sottolinea Il Messaggero. Questi nuovi scenari si sono profilati dopo che, di recente, Carige ha portato a termine con il tutto esaurito l’aumento di capitale da 850 milioni di euro, a tutto vantaggio della solidità dell’istituto e con l’entrata in scena di soci di rilievo come Malacalza e l’imprenditore italo-nigeriano Gabriele Volpi, quest’ultimo con il 5,5%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza e private banking, la svolta di Banca Carige (e Cesare Ponti)

Banca Cesare Ponti, rafforza la consulenza sul mattone

Banca Finnat, doppio colpo nel Nord Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X