Speciale elezioni Anasf – Tutele ed evoluzione della professione, il nostro impegno continua

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato 8 Luglio 2015 | 06:24
Per il presidente Maurizio Bufi l’associazione è sempre più un punto di riferimento non solo per gli associati ma per l’intera categoria degli operativi attivi sul mercato. La realizzazione dell’Albo unico sarà una grande vittoria per l’Anasf, capace di far comprendere quanto la figura del pf in questi anni sia evoluta in direzione consulenziale.

PARLA MAURIZIO BUFI – L’ampio ciclo di interviste realizzate da Bluerating con i dirigenti che hanno fatto la storia dell’Anasf non può che concludersi con il presidente in carica dell’associazione di categoria dei pf, Maurizio Bufi (nella foto). Promotore finanziario di Sanpaolo Invest, Bufi ha iniziato l’attività proprio trent’anni fa, nel 1985, ed è iscritto all’Anasf dal 1986. Prima consigliere e poi coordinatore Anasf per l’Umbria, nel 1998 è stato eletto componente del consiglio nazionale. Dal 1992 al 2003 è stato commissario supplente per l’Albo dell’Umbria, nel 2006 è stato nominato coordinatore del comitato scientifico di Efpa Italia. Dal 2002 è nel comitato esecutivo dell’associazione, con la responsabilità dell’area formazione e successivamente dell’area rapporti con i risparmiatori. Nel 2010 Bufi è stato nominato vicepresidente e nell’ultima legislatura è diventato presidente di Anasf con delega all’area evoluzione della professione. Ecco le sue riflessioni sull’oggi e il domani dell’associazione.

Dal 1977, anno della sua fondazione a oggi, l’Anasf è una realtà che è cresciuta costantemente. Cosa rappresenta oggi per i promotori finanziari?

Credo che su questo ci sia una convergenza comune e condivisa da parte di tutti gli associati. Anasf oggi è il punto di riferimento per lo sviluppo della professione e lo è da quasi quarant’anni e ciò non solo nei confronti dei promotori finanziari associati ma anche dei non associati, di fatto rappresentando l’intera categoria di operatori attivi sul mercato. Che lavoriamo nell’interesse della categoria lo dimostrano due battaglie recenti, quella per non essere inseriti nell’organismo Oam nel 2012 e lo stesso complessivo progetto dell’Albo unico, con la realizzazione della Casa della Consulenza.

Quali compiti e mission affiderebbe all’Anasf del futuro?

La mission, che è già indicata nello Statuto e indirizza l’azione associativa, sinteticamente consisterà nella valorizzazione del nostro ruolo che avviene attraverso le tutele per i promotori finanziari nei confronti di diversi soggetti: società mandanti, regolatori e legislatori, italiani ed europei, fino ai risparmiatori. Una rappresentanza delle tutele, naturalmente, che andrà effettuata modulando l’approccio secondo le caratteristiche dei diversi stakeholder. L’altra mission fondamentale sarà di continuare a interpretare l’evoluzione della professione, con uno scenario normativo in continuo cambiamento. Un aspetto, questo, che negli scorsi anni ha caratterizzato in modo qualificante l’azione associativa.

Tra contratto nazionale di categoria dei promotori finanziari, realizzazione dell’Albo unico dei consulenti finanziari e soluzione del problema Enasarco dei pf, quale preferirebbe realizzare e perché?
Sono i tre fronti aperti e tutti importanti per la nostra categoria ma in ordine di preferenza metterei al primo posto tutto il processo che porterà all’Albo unico dei consulenti finanziari. Anche perché è collegato ai grandi temi dell’evoluzione dell’attività quali il recepimento Mifid 2 e la conseguente strutturazione della normativa secondaria, oltre che per il fondamentale cambio di denominazione da promotori in consulenti finanziari. La realizzazione dell’Albo unico rappresenterà una grande vittoria per l’associazione, significherà che è riuscita nel compito di far comprendere quanto la figura del pf in questi anni sia evoluta in direzione consulenziale. Certo, anche Enasarco è una priorità per noi al punto che siamo alla vigilia di possibili opportunità sulla governance dell’ente. Così come il contratto di categoria, un tema che merita maggiori riflessioni a livello congressuale, considerato come l’attuale richiamo al contratto collettivo degli agenti di commercio sia diventato assolutamente anacronistico.

A suo giudizio quale risultato concreto può raggiungere il prossimo decimo Congresso Anasf di Perugia?
Tutti i congressi rappresentano un passo in avanti nella storia dell’associazione oltre che un elemento di riflessione sulle linee guida fissate nei quattro anni precedenti. Occorrerà prima un sereno confronto tra i delegati, poi attuare una sintesi finale tra i diversi orientamenti che si traduca in nuove linee guida e, infine, individuare la classe dirigente chiamata ad attuare gli indirizzi politici.  Classe dirigente, che dal presidente alla squadra deve essere messa in condizione di poter esercitare le proprie funzioni, ovviamente in presenza di adeguate garanzie di rappresentanza per tutte le componenti dell’associazione, liberando la capacità di leadership necessaria perché l’azione associativa sia efficace in un contesto complesso come l’attuale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ristori, l’appello di consulenti e agenti a Fontana

Anasf, ConsulenTia diventa digitale

Decreto Ristori bis, apertura del Governo a consulenti e agenti

Consulenti e agenti, il nuovo dpcm affossa anche voi

Seminari Anasf: il live streaming in esclusiva per i soci

Enasarco al bivio, Fare Presto! e Anasf aprono alle alleanze

Finanziamenti ai cf, prima vittoria dell’Anasf in Parlamento

Anasf ancora protagonista alla World Investor Week

Anasf-JP Morgan, borsa di studio per i neo consulenti

I robo-advisor? Senza l’uomo non c’è consulenza

Consulenti, cercasi finanziamenti post-pandemia

Consulenti, chi potrà pagare le tasse in ritardo

Anticipo Firr, Enasarco ancora nel mirino di Anasf

Consulenti, lo scoglio dei finanziamenti

Anasf, le prime parole del nuovo presidente Luigi Conte

Anasf, inizia l’era di Luigi Conte

XI Congresso Anasf, Bufi: “E’ ora di eliminare il termine fuori sede”

Anasf, due nuovi webinar per i consulenti

Anasf, il nuovo presidente si vota online

Consulenti: Gabanelli esalta i fee only, ma Anasf non ci sta

Anasf, nuova infornata di corsi online per gli associati

Webinar Anasf, ecco tutti gli appuntamenti sul web

Maurizio Bufi e quel telefono che suona sempre

Elezioni Enasarco rinviate, l’ira di Anasf

Coronavirus, la ricetta del consulente

Coronavirus, anche Anasf bussa alla porta di Conte

Coronavirus, Bufi (Anasf): “La Borsa non va chiusa”

Coronavirus, Anasf rinvia il Congresso Nazionale

Auto, i consulenti vogliono lo sconto (fiscale)

Elezioni Anasf, tutti i risultati ufficiali

Anasf, Conte vola verso la presidenza

Elezioni Anasf, affluenza in crescita

ConsulenTia 2020, Anasf si gode un’edizione da record

NEWSLETTER
Iscriviti
X