Attenzione a chi promette di azzerare gli interessi dei mutui

A
A
A

Un cliente di un pf è incappato in una rete di vendita particolare, specializzata in anomalie bancarie. Vendono perizie dalle quali si evincerebbe che gli interessi praticati dalle banche sui mutui casa sono illegittimi. Le perizie sono carissime e redatte in modo approssimativo e le cause suggerite da avvocati convenzionati possono sfociare in condanne per lite temeraria

Marco Muffato di Marco Muffato31 luglio 2015 | 07:03

DOMANDA – Un mio cliente è stato contattato da un venditore di una rete di esperti – o sedicenti tali – specializzati in materia di anomalie bancarie che gli ha prospettato una vittoria pressoché sicura e senza nemmeno fare causa per gli interessi del mutuo casa, che a suo dire sarebbero illegittimi. Ho provato a farlo ragionare, dicendogli che se fosse tanto semplice le banche fallirebbero a forza di dover azzerare gli interessi sui mutui, ma ormai è stato “accalappiato” dal venditore. Cosa posso fare ancora per convincerlo a desistere?
G.M., Roma

RISPOSTA – Il caso sottoposto dal lettore sta diventando di stringente attualità per la presenza sul mercato di vere e proprie reti di vendita costruite col metodo del network marketing. Una delle principali tra queste vede la partecipazione di personaggi già noti nell’ambiente finanziario proprio per la loro partecipazione alla SSI, Star Service International, che con analogo metodo vendeva le polizze Bayerische. Nomi tristemente famosi tra coloro che vi sono incappati come clienti e come collaboratori. E non è un caso che l’Antitrust abbia a fine 2014 multato questa società per centomila euro a causa della pubblicità ingannevole adottata. Queste reti hanno come primo obiettivo quello di vendere una perizia da cui, secondo loro, si evincerebbe in maniera inequivocabile che la banca ha torto marcio. Il prezzo da pagare per la perizia è stratosferico se lo si confronta con le tariffe applicate da altri professionisti del settore. Il secondo obiettivo è quello di portare il cliente da un avvocato convenzionato, spesso presentato come un principe del foro temuto dalle banche e che può quindi assicurare un vittorioso accordo senza nemmeno iniziare la causa. La realtà, come sempre accade, è ben diversa e queste strutture stanno seriamente inquinando quello che è invece un campo molto serio, vale a dire l’impegno contro l’usura e l’anatocismo bancari. Le perizie sono redatte in maniera approssimativa (si veda la semplice sommatoria tra tasso corrispettivo e tasso di mora) e le cause condotte in maniera dilettantistica, che hanno a volte addirittura portato a condanne per lite temeraria oltre che alle spese di soccombenza. Il lettore, quindi, può provare a far ragionare il cliente sottoponendogli la lettura di questo articolo ma se è stato già “accalappiato” come afferma, purtroppo servirà a ben poco. Allo stesso modo di dieci anni fa per chi subiva l’attrazione fatale del network marketing delle polizze, dovrà finirci dentro per capire l’errore. Purtroppo.

Hai un quesito da porre a Sportello Advisory? Scrivi a: sportelloadvisory@bluerating.com


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

Ti può anche interessare

La rete di CheBanca! a forza 20

Nel mese di marzo la rete guidata dal direttore centrale Duccio Marconi, a soli otto mesi dal lancio ...

Inter, Credit Agricole diventa banca ufficiale

L'accordo tra l'istituto di credito francese e il club neroazzurro avrà durata triennale. ...

Metà cf, metà bancario. Pro e contro del contratto di Intesa Sanpaolo

Il dibattito sul nuovo inquadramento ibrido sperimentato nel maggiore gruppo finanziario italiano. ...