Banking Summit: Italia leader nel percorso verso la digitalizzazione

A
A
A
di Daniel Settembre 23 Settembre 2015 | 12:56
Nel corso dell’evento organizzato da The Innovation Group, il Banking Summit 2015, sono stati affrontati i temi legati alla digitalizzazione delle banche.

IL BANKING SUMMIT – Che cosa pensano le banche della digitalizzazione in atto? Quali sono i loro obiettivi? Quali gli elementi considerati come ostacoli in questo percorso? A queste ad altre domande ha cercato di rispondere il Banking Summit 2015, evento organizzato da The Innovation Group e dedicato alla trasformazione bancaria in corso, da un lato a causa dei nuovi scenari che si aprono con l’Unione Bancaria europea, dall’altro a causa dell’accelerazione a cui si assiste sul fronte dell’innovazione digitale. Durante il convegno hanno preso parola esperti del settore, come Gregorio De Felice, chief economist di Intesa Sanpaolo, Gennaro Casale, partner e managing director di Bcg, Deniz Guven, senior vice president, digital Channels di Garanti Bank (Turchia), Don Koch, country ceo di Ing Bank Italia.

LA DIGITALIZZAZIONE – Come si sfruttare quindi i vantaggi  e le opportunità offerte dal digitale? Creando esperienze seamless per i clienti, sviluppando nuovi prodotti e servizi, aprendosi alla collaborazione con società Fintech più innovative e veloci nel time to market. Secondo un sondaggio rivolto agli esperti condotto da Gft sulle banche di numerosi Paesi, è emerso che tutti i player sono concordi nel ritenere che siano i clienti i principali artefici della digitalizzazione nel settore finanziario. Oltre il 90% degli intervistati ritiene che la soddisfazione e la fedeltà del cliente, in un ambiente competitivo dove la concorrenza è sempre più agguerrita, siano la priorità in agenda. L’approccio multicanale (online, mobile, filiale) sia il fattore di successo più importante, ancora prima dei servizi personalizzati o della scelta della corretta piattaforma tecnologica. In generale, gli esperti coinvolti nel sondaggio ritengono che il loro settore sia fortemente impegnata nell’affrontare i temi chiave della digitalizzazione: l’83% sta definendo una propria strategia o ha avviato uno o più progetti; solo poco più del 7% ha un’offerta completa già disponibile sul mercato e meno del 10% non sta ancora affrontando questi temi.

IN ITALIA -  E in Italia? Sempre secondo il sondaggio le banche nel nostro Paese si ritengono molto avanzate in tema di digitalizzazione. “Le banche italiane”, spiega Alfio Puglisi, managing director di GFT Italia, “hanno adottato un approccio molto focalizzato e dinamico nei confronti della digitalizzazione del loro settore. Quasi due/terzi delle banche intervistate ritengono che il mobile payment sia il fattore chiave di successo per il portafoglio di servizi bancari digitali e circa il 60% offre già un sistema di mobile payment, il 14% in più rispetto alla media di tutti gli intervistati in Europa”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banking Summit 2019: è già tempo per un banking “post-digitale”?

Banking Summit 2018: basterà una semplice evoluzione oppure servirà una radicale metamorfosi?

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

NEWSLETTER
Iscriviti
X