Banche risanate, per i consulenti ora la strada è in salita

A
A
A

Mifid 2, valutazioni elevate e i vari salvataggi delle banche italiane che erano in difficoltà potrebbero ridurre l’appeal del settore del risparmio gestito, secondo Equita Sim.

Francesca Vercesi di Francesca Vercesi24 agosto 2017 | 13:57

Mifid 2, valutazioni elevate e i vari salvataggi delle banche italiane che erano in difficoltà potrebbero ridurre l’appeal del settore del risparmio gestito. I motivi ricorrenti di cautela, secondo gli analisti di Equita sim, sono diversi. Nella fattispecie i primi due sono: la pressione sui margini dovuta a Mifid 2 e alla riduzione dei rendimenti futuri e «le valutazioni nella parte alta del range storico nonostante il fatto che i mercati siano in una fase di late bull market», commenta Matteo Ghilotti, analista di Equita sim. E aggiunge: “A questi fattori si aggiunge la maggiore difficoltà che potranno avere secondo noi le reti di promotori nel sottrarre clienti e asset alle banche tradizionali dopo il salvataggio di Banca Mps e delle banche venete. Queste tre banche, da sole, hanno perso 44 miliardi di euro di depositi nel triennio 2014-2016 e, se sommassimo la perdita di raccolta indiretta (titoli, fondi, polizze vita), probabilmente si arriverebbe a 60-70 miliardi contro flussi netti cumulati per gli asset gatherer quotati pari a 61 miliardi nello stesso periodo”. Precisa: “Banca Mps sotto il controllo dello Stato e le venete sotto Intesa Sanpaolo con tutta probabilità smetteranno di perdere clienti e masse e anzi diventeranno commercialmente aggressive per recuperare quote di mercato. La nostra idea è che le reti di promotori continueranno a crescere, ma troveranno maggiori difficoltà e quindi torneranno a livelli di raccolta inferiori (anche se sempre eccellenti) a quelli record degli ultimi anni. Le valutazioni però non scontano un rallentamento della raccolta, né il peggioramento dei margini che è inevitabile a causa di Mifid2 e dei bassi rendimenti futuri che il quantitative easing porta con sé”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pir, la raccolta vola ancora

Banche italiane, il consolidamento è partito

Anche i PIR vanno in vacanza

Ti può anche interessare

Fideuram, la rivoluzione dei “Fogli”

Lanciato un nuovo servizio di gestione individuale multilinea. Che permette al cliente di combinare ...

Mps torna sul mercato

Si cercano nuovi acquirenti al termine della ristrutturazione prevista con il piano concordato con l ...

Il private banking (non) made in Italy

Quali sono gli operatori esteri presenti nel Bel Paese? ...