Rimborso dei buoni fruttiferi postali, il nodo dei co-intestatari

A
A
A

Un lettore chiede cosa succede se un buono postale con clausola Cpfr viene riscosso solo da uno dei due intestari. L’altro può rivalersi? E come?

Marco Muffato di Marco Muffato25 agosto 2017 | 08:30

Domanda. Un buono fruttifero postale ordinario Con pari facoltà di rimborso (Cpfr) può essere riscosso da uno solo dei due intestatari? Se si, l’altro intestatario come può rivalersi sull’altro del suo 50%? Per legge il buono fruttifero postale cointestato è di proprietà dei due intestatari al 50%?

G.I, ricevuta via email

 

Risposta. Salvo diversa indicazione i buoni fruttiferi postali riportanti più di un beneficiario si presumono intestati in parti uguali tra tutti.

La clausola Cpfr (a volte Pfr), Con pari facoltà di rimborso, attribuisce a uno qualsiasi dei beneficiari il diritto a riscuotere il titolo in maniera indipendente dagli altri. In presenza di beneficiario minorenne viene richiesta l’autorizzazione del giudice tutelare se il buono è stato emesso a partire dal 28 dicembre 2000 in avanti. Se tutte le citate disposizioni sono state rispettate l’incasso è stato legittimo e alle Poste Sportello Advisorynon si può rimproverare alcunché. Gli altri co-intestatari hanno a quel punto come unica via da seguire la rivalsa nei confronti di chi ha incassato l’importo, dapprima con formale richiesta e dopo eventualmente con una vertenza legale. Un caso particolare è costituito dai buoni co-intestati in cui uno o più dei beneficiari è deceduto. Se le Poste hanno, in qualsiasi maniera, notizia del decesso di uno dei beneficiari devono astenersi dal pagamento e pretendere che il buono venga incassato con l’apposita procedura di successione che necessita di tutti i beneficiari. Ciò è previsto anche dalla sentenza 24657/2007 della Corte di Cassazione a Sezioni Unite che dispone che i crediti del de cuius non si dividono automaticamente tra i coeredi in ragione delle rispettive quote, ma entrano a far parte della comunione ereditaria, in conformità con la previsione di cui all’articolo 727 del codice civile che stabilisce come, in sede di divisione, le proporzioni devono essere formate comprendendo oltre ai beni immobili e mobili anche i crediti. La regola della ripartizione automatica di cui all’articolo 752 del codice civile va applicata infatti solo per i debiti, come pure si ricava dagli articoli 757 e 760 del codice civile.Da qualche anno le Poste, nei casi di assenza di obbligo di dichiarazione di successione, chiedono di sottoscrivere una dichiarazione relativa all’assenza di eredi che possano accampare diritti così da mettersi al riparo da responsabilità in merito. Ma non finisce qui: nei non rari casi di beneficiari irreperibili oppure non disposti a partecipare alla procedura di incasso, le Poste non procedono al pagamento. A quel punto è necessario imbastire una causa vera e propria.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La guerra al contante? È un errore

Arriva l’arbitro Ivass per i contratti assicurativi

Servizi di pagamento, la banca responsabile in caso di frodi informatiche

Bond cointestati, giusto ricorrere

Aggravamento del rischio di titoli negoziati: l’intermediario deve informare il cliente

Bond, il credito d’imposta c’è anche nel mancato rimborso

Opzioni binarie, proibita la vendita al retail ma il problema degli abusivi rimane

La banca deve informare se il rischio cresce

Obbligo di rendicontazione trimestrale del dossier titoli? Attenti all’equivoco

Mifid 2, il cliente non è obbligato a rispondere al questionario

Addebito capital gain dovuto, nessun indennizzo per il cliente

Portugal Telecom, le banche dovevano informare

Come sono tassate le prestazioni dei fondi pensione per un residente all’estero?

Ammissioni al passivo ex popolari venete, istruzioni per l’uso

Ritardi nel rilascio della certificazione delle minusvalenze, la banca è responsabile

Il punto sulle fideiussioni omnibus

Quelle comunicazioni invisibili nell’home banking

Ingiusto pagare i costi di verifica di assegni circolari

Se il datore di lavoro non versa i contributi: il disastro FondInps

La tassazione di Bitcoin e dintorni

Quel bond strutturato acquistato in execution only

Opzioni binarie, Esma in campo contro i broker

Vicenda Portugal Telecom – Oi Brazil, svolta in arrivo per gli obbligazionisti

Mutuo, Centrale Rischi e segnalazioni

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Attenti agli assegni senza clausola di non trasferibilità

Vecchio numero cellulare? Meglio cancellarlo dall’home banking

Estinguere dossier con titoli in default? E’ possibile

Speranze di ristoro sui fondi immobiliari chiusi

Clonazione assegni, è sufficiente una foto per finire nei guai

Vittima del phishing? Diritto al risarcimento solo in un caso

Credito al consumo, paga le rate ma non riceve servizi. Che fare?

Vecchi buoni postali, allo studio un archivio digitale

Ti può anche interessare

Fideuram ISPB a tutto gas nel reclutamento

Sono addirittura 46 gli arrivi (al netto del turnover) nelle tre reti del gruppo tra gennaio e febbr ...

Consulenti, la guida sulle pensioni

Pubblicato online dall'Anasf un vademecum per destreggiarsi tra i contributi Inps ed Enasarco ...

Credem assume un esercito di giovani

Previsti 150 inserimenti entro la metà del 2018 nelle rete commerciale negli uffici di direzione. ...