Finanza, l’80% degli italiani ci capisce poco o nulla

A
A
A
di Daniel Settembre 7 Ottobre 2015 | 12:28
Lo rileva una ricerca “Le competenze economiche degli italiani”, pubblicata da Bancaria Editrice.

RICERCA FINANZA – Secondo quanto rileva una ricerca dal titolo “Le competenze economiche degli italiani”, pubblicata da Bancaria Editrice, l’80% degli italiani dichiara di capire poco o nulla di finanza. In particolare, emerge che il 47,5% degli italiani afferma di capire poco di economia e finanza, e un altro 32,9% afferma di non capirne nulla. Eppure il 43% degli intervistati dichiara che negli ultimi 12-18 mesi il proprio livello di attenzione agli argomenti economico-finanziari è aumentato.

L’EDUCAZIONE FINANZIARIA
– Per diffondere una cultura finanziaria tra gli italiani, arriva online il nuovo sito di educazione critica alla finanza www.nonconimieisoldi.org, nato da una rivisitazione della campagna omonima che negli scorsi anni ha avvicinato decine di migliaia di persone ai temi finanziari con l’obiettivo di rendere i cittadini e i risparmiatori sempre più consapevoli delle dinamiche finanziarie che spesso subiscono ma di cui sono anche attori. Utilizzando un linguaggio semplice e divulgativo, il sito ruota intorno al blog con le notizie e le informazioni sulla finanza, e la possibilità di commentare e interagire. Poi un glossario per approfondire argomenti e termini tecnici e una sezione dedicata alle campagne internazionali e in particolare a Finance Watch, la rete europea della società civile, a cui aderisce anche la Fondazione Culturale di Banca Etica e che chiede una migliore regolamentazione europea della finanza, cercando di agire con un’azione di “contro-lobby” rispetto allo strapotere della finanza tradizionale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Cercasi 30 consulenti di finanza etica

Etica Sgr estende la Classe RD ad altri tre fondi del Sistema Valori Responsabili

Banca Etica colloca il suo primo “Microcredito Africa – Impact Bond”

NEWSLETTER
Iscriviti
X