Banche, in Italia possibili nuovi salvataggi

A
A
A
di Chiara Merico 24 Novembre 2015 | 15:48
Le banche italiane continuano a registrare un aumento delle sofferenze, sottolinea Raj Badiani di IHS Global Insight,

POSSIBILI NUOVI SALVATAGGI – “In Italia sono in vista nuovi salvataggi bancari, dopo il provvedimento del governo di ieri che ha portato al salvataggio di Banca delle Marche, Banca Popolare dell’Etruria, Cassa di Risparmio di Ferrara e Cassa di Risparmio di Chieti“. Lo sottolinea Raj Badiani, senior economist di IHS Global Insight. “Le quattro banche sembrano troppo piccole per rappresentare un rischio sistematico per il settore nel suo complesso, ma il governo voleva evitare che i clienti sopportassero eventuali perdite. Pertanto, è stato approvato un decreto d’urgenza per consentire l’attuazione immediata del piano di salvataggio, già approvato dalla UE”, aggiunge Badiani.

SETTORE FRAMMENTATO – “Purtroppo, in presenza un settore finanziario molto frammentato, crediamo che ulteriori salvataggi saranno probabili. Infatti, le banche italiane continuano a registrare un aumento delle sofferenze, che hanno raggiunto i 200 miliardi di euro (circa il 12,2% del Pil) nel mese di settembre. Inoltre, il nuovo Fondo di risoluzione bancaria è interamente finanziato dalle maggiori istituzioni finanziarie italiane, e questo aumenta ulteriormente il livello di pressione su un settore che ha già a che fare con ridotti afflussi di credito, sofferenze in aumento e redditività compromessa”, conclude.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Nuovo matrimonio nel Fintech, nasce Ihs Markit

NEWSLETTER
Iscriviti
X