Crac banche, un fondo straniero voleva Carife

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 12 Gennaio 2016 | 09:18
Secondo MF, lo scorso ottobre l’ex azionista di riferimento dell’istituto, la Fondazione Carife, avrebbe ricevuto una lettera d’intenti da parte di un fondo di investimento anglosassone.

LA RIVELAZIONE – Per CariFerrara il salvataggio intrapreso dal governo non era l’ultima spiaggia: secondo quanto riferisce MF – Milano Finanza, lo scorso ottobre l’ex azionista di riferimento dell’istituto, la Fondazione Carife, avrebbe ricevuto una lettera d’intenti da parte di un fondo di investimento anglosassone. L’investitore avrebbe manifestato interesse per una quota compresa tra il 30% e il 50% della cassa estense, ma la trattativa si è conclusa con un nulla di fatto e l’istituto è entrato nel piano di salvataggio elaborato dal governo. Un’altra doccia fredda per gli ex azionisti della cassa, che hanno visto azzerato il loro investimento da un giorno all’altro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Carige, un salvataggio che ricorda quelli varati da Renzi e Gentiloni

Banche “risolte”, c’è tempo fino al 31 maggio per chiedere gli indennizzi

Bper compra Cariferrara

NEWSLETTER
Iscriviti
X