Banca Euromobiliare: così cresceremo nel 2016

A
A
A
di Gianluca Baldini 16 Febbraio 2016 | 11:24
I promotori finanziari della società del gruppo Credem specializzata nel private banking hanno conseguito nel 2015 un portafoglio medio di 20 milioni di euro.

STRETEGIE DI SVILUPPO – Proseguono gli investimenti per la crescita di Banca Euromobiliare guidata dal direttore generale Giuseppe Rovani con Stefano Bisi responsabile della promozione finanziaria che prosegue con determinazione la crescita del canale con l’inserimento di professionisti provenienti prevalentemente dal settore bancario.
 
Per il 2016 l’obiettivo è inserire 20 nuovi promotori finanziari per 400 milioni di euro di nuove masse con particolare focus sui professionisti provenienti dal settore bancario. Da tale ambito è arrivato l’80% degli ingressi del 2015 scegliendo così il percorso della libera professione e lasciando le precedenti aziende bancarie per inseguire una crescita professionale e servizi di private banking d’eccellenza. L’assenza di conflitto di interessi e l’architettura aperta rappresentano i pilastri del servizio di consulenza finanziaria di Banca Euromobiliare, uno dei driver fondamentali per elevare il rapporto professionale con la clientela, che sembra gradire questo modello di servizio. L’85% degli asset in gestione sono assistiti da un contratto di consulenza a pagamento.
 
“L’accurata attività di selezione firmata Banca Euromobiliare proseguirà con decisione per tutto il 2016, confermando la strategia di crescita attraverso il reclutamento di promotori finanziari e private banker in grado di apprezzare il nostro modello di business fondato sull’eccellenza nella gestione dei patrimoni privati e delle attività finanziarie per l’impresa. Siamo convinti che la strada per raggiungere i nostri obiettivi di crescita passi necessariamente anche attraverso la selezione di questi professionisti che vantano già un percorso formativo solido ed una leadership sul territorio, offrendo loro l’opportunità di operare con un modello di servizio privo di conflitto di interessi che punta a valorizzare la professionalità e le competenze”, ha affermato Stefano Bisi.
 
“Desideriamo entrare in contatto con gestori della relazione di età compresa tra 35-55 anni che abbiano maturato un eccellente livello di professionalità, con una spiccata volontà di crescita e che siano alla ricerca di una proposta realmente in grado di valorizzare le competenze acquisite. Infatti, grazie al nostro modello di servizio specializzato nella consulenza finanziaria, offriamo la possibilità di dedicarsi totalmente alla gestione della relazione con il cliente, l’opportunità di un costante aggiornamento professionale ed una piattaforma di prodotti multibrand e servizi di wealth management priva di conflitti d’interesse. Inoltre, la presenza delle nostre filiali e dei centri finanziari dedicati al private banking garantisce qualità del servizio e vicinanza al Cliente. A tal proposito, grazie alle sinergie con il Gruppo Credem ed alla presenza distribuita su tutto il territorio nazionale, abbiamo ulteriormente migliorato il livello di servizio offrendo ai clienti di Banca Euromobiliare la possibilità di operare anche presso le filiali Credem abilitate per l’esecuzione delle principali operazioni e servizi di cassa: un altro elemento caratterizzante e distintivo del nostro modello organizzativo forse unico nel panorama bancario italiano”, prosegue Bisi.
 
Il portafoglio medio dei promotori finanziari di Banca Euromobiliare supera i 20 milioni di euro, ai vertici del sistema (secondo i dati Assoreti gen-nov 2015). Tale risultato non è legato esclusivamente alle iniziative di reclutamento. Infatti nel 2015 la crescita del portafoglio dei circa 310 consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede di Banca Euromobiliare ha superato in media 1,2 milioni di euro pro capite, anch’essa ai vertici delle classifiche del settore.
 
“L’appartenenza al gruppo Credem, uno dei gruppi bancari con i più alti coefficienti di solidità (CET1 Ratio registrato dal Gruppo a fine 2015 pari a 13,52%), ci consente di offrire alla clientela elevati livelli di affidabilità e solidità all’interno del sistema bancario nazionale, aspetti su cui si sta focalizzando l’attenzione della clientela e dei risparmiatori in particolar modo nelle ultime settimane. Grazie a questi valori e sinergie, il consulente finanziario ha la possibilità di sviluppare ulteriormente il proprio network di contatti e di rispondere a tutte le richieste, anche le più esigenti, soprattutto da parte dei clienti che sono alla ricerca di una nuova modalità di relazione con il proprio istituto bancario, più moderna ed innovativa rispetto agli standard classici del passato”, conclude Bisi.
 
Banca Euromobiliare, attiva da oltre 40 anni nella consulenza di alta gamma per imprenditori, investitori istituzionali, professionisti e clientela private, ha sede a Milano ed opera in tutta Italia attraverso 371 relationship manager.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem alza il sipario sul nuovo polo del private banking

Private, Banca Euromobiliare punta forte sulle gestioni patrimoniali

Disco verde della Consob a Euromobiliare Advisory Sim

NEWSLETTER
Iscriviti
X