L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

A
A
A

Un cliente di un cf domanda se l’aumento dei costi forfettari di conto corrente per via del fondo salva-banche sia effettivamente regolare.

Marco Muffato di Marco Muffato8 settembre 2017 | 08:25

Un cliente domanda se l’aumento dei costi forfettari di conto corrente per via del fondo salva-banche sia effettivamente regolare. Che ne pensate?
R.B., Milano

In una recente decisione, la  4845 del 5 maggio, l’Arbitro Bancario ha reputato illegittimo un simile aumento perché l’istituzione del Fondo Nazionale di risoluzione determina costi a carico dell’intermediario che non sono però correlati alla variazione apportata unilateralmente mediante l’incremento della voce “Spese e competenze del periodo di liquidazione”. Inoltre la scelta compiuta dall’intermediario di colpire i conti correnti perché contratti più diffusi è svincolata dalla tipologia contrattuale interessata dalla variazione e scollegata dagli oneri previsti originariamente per tali contratti. La nota 412631/17 del Direttorio della Banca d’Italia reputa inammissibili le variazioni che non presentano correlazione tra le tipologie di contratti e le tariffe interessate dalle variazioni, da un lato, e l’incremento dei costi posto a base della modi ca. Tali variazioni si traducono in nuovi costi con un’alterazione del sinallagma negoziale sfavorevole al cliente perché non si pongono come modi ca di oneri già previsti. L’intermediario ha richiamato il fatto che si tratterebbe di prelievo una tantum, ma nella citata nota si rileva che interventi una tantum si traducono di fatto in prelievi occasionali che, dal punto di vista del cliente, riducono l’incentivo a valutare l’opportunità del recesso, anche nei casi in cui sarebbe conveniente.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Solfin, svolta nelle autorizzazioni

Revoca dell’autorizzazione di Solidarietà & Finanza Sim S.p.A. alla prestazione del servizio ...

Citi concilia con la Sec

Oggetto due vertenze della società con l’autorità ...

Banche popolari, a fine 2017 ripresa diffusa degli impieghi nelle regioni italiane

Il credito all’economia delle banche popolari ha raggiunto la cifra di 200 miliardi di euro, con u ...