Segno più e tanta tecnologia nei conti di Banca Euromobiliare

A
A
A
di Gianluca Baldini 24 Marzo 2016 | 10:33
Il gruppo guidato dal d.g. Giuseppe Rovani ha messo a segno un anno da incorniciare con utili in crescita vertiginosa. Nel 2016 il gruppo prevede di reclutare e di investire in nuovi strumenti tecnologici.

UTILE QUASI RADDOPPIATO – Banca Euromobiliare ha approvato nei giorni scorsi i risultati del 2015. La società ha registrato a fine 2015 un utile netto in crescita dell’88% a/a a 9,4 milioni di euro rispetto a 5 milioni a fine 2014. Il patrimonio complessivo ammonta a 9,7 miliardi di euro, +8,3% a/a rispetto a 8,9 miliardi di euro nello stesso periodo dell’anno precedente e la raccolta netta è stata positiva per 602 milioni di euro.

PAROLA D’ORDINE RECLUTAMENTO – Nel 2016 Banca Euromobiliare continuerà ad investire sulle persone con percorsi di aggiornamento per la crescita professionale e, coerentemente con le strategie di crescita della banca, con il reclutamento di 25 nuovi professionisti di elevato standing su piazze ad alto potenziale per lo sviluppo della clientela private.

LE PAROLE DI ROVANI – Sarà inoltre confermata la politica d’investimento in tecnologia ed innovazione di processo con l’obiettivo di sviluppare soluzioni per semplificare le attività operative di raccolta ordini e di collocamento, per supportare la prestazione del servizio di consulenza e per comunicare con la clientela attraverso strumenti digitali. “Anche per il 2016, vogliamo garantire ai nostri clienti un livello di servizio ai vertici del sistema in termini di qualità ed efficienza” , ha dichiarato Giuseppe Rovani, direttore generale di Banca Euromobiliare. “Siamo convinti” , ha proseguito Rovani, “che la strada per raggiungere tale obiettivo passi anche attraverso la selezione di professionisti con una consolidata esperienza nella gestione dei grandi patrimoni, offrendo loro l’opportunità di operare con un modello di servizio privo di conflitto di interessi che punta a valorizzare la professionalità e le competenze” .

TANTI INVESTIMENTI IN TECNOLOGIA
– Per quanto riguarda gli investimenti in tecnologia, nel 2015 è stato lanciato il nuovo sito web ed il nuovo internet banking, una app per dispositivi mobili e la piattaforma di vendita integrata con il processo di consulenza secondo una valutazione di adeguatezza multivariata. Nel 2016 la società proseguirà con il progetto per l’integrazione delle procedure dispositive all’interno del processo di consulenza. Nell’ambito dei servizi di investimento, nel 2015 è stata introdotta di una nuova gestione patrimoniale multilinea ad ombrello denominata “PortfolioSuite” che consente di ottenere benefici come la compensazione fiscale, una navigabilità agevole tra le diverse linee ed un rendiconto complessivo senza perdere il rendiconto normativamente associato alla singola linea. La società a fine 2015 aveva uno stock complessivo di oltre 2 miliardi di euro in gestioni patrimoniali articolato su 66 linee. Per il 2016 gli investimenti saranno indirizzati nella gestione del rischio e nel controllo della volatilità. Banca Euromobiliare opera in tutta Italia attraverso 370 relationship manager

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem alza il sipario sul nuovo polo del private banking

Private, Banca Euromobiliare punta forte sulle gestioni patrimoniali

Disco verde della Consob a Euromobiliare Advisory Sim

NEWSLETTER
Iscriviti
X