Salone del Risparmio, Ennio Doris: “Il sistema bancario non è il grande malato”

A
A
A

Per il presidente di Banca Mediolanum, “al netto di qualche banca che si è mossa male, il sistema bancario è entrato in una spirale negativa perché troppo esposto con l’economia”.

Avatar di Elisa Zeri6 aprile 2016 | 15:01

LA CRISI E’ PARTITA DALL’ECONOMIA REALE – “Una crisi epocale dei mercati e dell’economia come quella che stiamo attraversando non poteva che far esplodere i fallimenti a cui stiamo assistendo. Ma, mentre tutti i settori bancari degli altri Paesi sono entrati in crisi per operazioni finanziarie sbagliate o troppo aggressive, quello italiano è andato in crisi perché a essere andata in crisi è stata l’economia reale. Al netto di qualche banca che si è mossa male, infatti, il sistema bancario è entrato in una spirale negativa perché finanziariamente troppo esposto con l’economia (quello bancario rappresenta l’80% circa del canale di finanziamento per le imprese, ndr) e non perché sia il grande malato”. Così Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum, raggiunto da Bluerating nel corso di un convegno che si è tenuto durante la prima giornata del Salone del Risparmio a Milano.

COSA E’ SUCCESSO ALLE BANCHE – Il sistema delle banche non ha preso atto dei cambiamenti in corso e di quelli che verranno. Ne è convinto Doris quando dice che “le banche guadagnavano dalle commissioni sui servizi e dal commercio sul denaro. Quando i tassi erano alti c’erano 7-8 punti di margine e si avevano buoni utili. Ora le aziende migliori si finanziano anche a meno dell’1%. È sparito quindi più della metà del margine ma restano tutti i costi. A questo livello dei tassi, le banche non riescono a fare utili, senza dimenticare la percentuale di prestiti in sofferenza”. I ricavi delle banche, quindi, sono destinati a crollare, se non cambiano i modelli di business. Continua Doris: “Le due fonti di reddito che hanno sostenuto il sistema per cinque secoli sono morte. Tornare ai livelli del passato è difficilissimo perché è cambiato il mondo. Come la vicenda del basso costo del petrolio: non è una fase momentanea. Bisogna convivere con pochi margini e con ricavi che crollano. E investire in tecnologia“.

SE IL FUTURO E’ FARE LA BANCA CON UN’APP – In Italia, su 30mila sportelli, 1600 fanno capo a banche estere. In Germania, Francia e Spagna, gli sportelli di banche estere sono meno dell’1% perché esistono muraglie cinesi per difendere il proprio sistema. “Per entrare in un altro Paese le vie sono: aprire sportelli o comperarne una ma, in questo caso, c’è bisogno della banca centrale del Paese. Le banche, in altre parole, per penetrare altri mercati, devono mettersi a occupare uno spazio tecnologico più che fisico, si può arrivare ad avere una presenza attraverso una app. BBVA, per esempio, annuncia la chiusura del 75% dei suoi sportelli. Il punto è che si arriverà ad avere un presenza territoriale diversa rispetto al passato. Ogni anno c’è un calo del 2% di chi va in filiale“, precisa il presidente. In Italia ci sono 4000 miliardi di euro di risparmi da tutelare. Oggi le banche e i titoli di stato, due certezze per gli italiani, sono venuti meno, il decennale tedesco si sta avvicinando a quota zero. Conclude Doris: “bisogna prendere atto che è un mondo nuovo e bisogna cambiare approccio al mercato e al risparmio. Negli ultimi 35 anni eravamo in una specie di paradiso, si potevano incassare buone cedole e non occorrevano i consulenti. Oggi i tassi sono a zero, per quelli a un anno il tasso è negativo, per quelli a cinque anni è a 0,3% e bisogna andare a 10 anni per avere l’1,3% lordo. Per avere reddito, quindi, bisogna aumentare il rischio. Oggi ci vuole una visione di più lungo termine anche sul mercato del fixed income. Il fondo comune, strumento che è nato per investire nelle azioni diversificando, oggi lo è diventato per quelli obbligazionari”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bond, un super gestore per Mediolanum

Banca Mediolanum punta sull’Elite

Reti, chi domina il mercato

Banca Mediolanum, crolla l’utile ma la cedola tiene

Consulenti, ecco gli incentivi delle reti

Banca Mediolanum, fine anno (quasi) miliardario

Mediolanum: su Fininvest la spada di Damocle della UE

Novembre sorride a Banca Mediolanum

Lady Doris, un tesoro da 60 milioni

Banca Mediolanum, i certificates puntellano la raccolta

Banca Mediolanum, margine operativo in crescita del 26%

Reti, raccolta in calo ma i titoli restano un affare

Banca Generali vince, Banca Mediolanum prima in gestito

Banca Mediolanum, un master per i Family banker

Reti ad alto rendimento su Piazza Affari

I campioni dei dividendi delle reti

Movimenti sospetti, stop della Consob a un ex Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, l’estate fa 23

Anche Banca Mediolanum e Widiba con Google Pay

La grande festa sta per finire?

Mediolanum Investment Banking advisor per DBH Holding

Giugno sugli scudi per Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, maggio dieci e lode

Doris (B.Mediolanum): “L’incertezza può frenare i Pir”

Banca Mediolanum diventa Nomad

Banca Mediolanum, aprile a forza 12

Bimbi in ufficio a Banca Mediolanum

Banca Mediolanum, pagamenti più facili con un Plick

Fininvest-Mediolanum, punto a Berlusconi

Banca Mediolanum, Pac più che triplicati

Bozzolin (B.Mediolanum): “Rapporto umano al centro”

Banca Mediolanum, lo scatto di Doris nel nuovo spot

Doris (Banca Mediolanum): “La nostra agenda per la crescita”

Ti può anche interessare

Irregolarità con assegni circolari, sospeso un ex IWBank

Il consulente Bucato Capozza è stato sospeso in via cautelare dall'esercizio dell'attività di cons ...

“Sempre di più”, prima convention per i cf CheBanca!

PRIMA EDIZIONE – Prima edizione per la convention dei Consulenti Finanziari CheBanca!: l̵ ...

Azimut, tre motivi per cui fa gola a Mediobanca

A Piazzetta Cuccia converrebbe fare shopping, vediamo perché ...